Parmalat, nel 2016 conti a due velocità

(Teleborsa) – Parmalat ha archiviato il 2016 con un aumento di ricavi e redditività operativa mentre l’utile netto è quasi dimezzato.

Nel dettaglio, il fatturato netto pari a 6.489,4 milioni di euro è stato in aumento dell’1,1% rispetto ai 6.416,1 milioni del 2015.
A tassi di cambio costanti e perimetro omogeneo ed escludendo i risultati della controllata venezuelana, la variazione risulta in aumento di 128,8 milioni (+2,5%), con un contributo positivo di tutte le aree in cui il Gruppo opera, ad eccezione dell’Europa in cui si registra una lieve diminuzione

Il margine operativo lordo si attesta a 458,5 milioni di euro, in aumento di 14 milioni (+3,2%) rispetto ai 444,5 milioni del 2015, nonostante l’effetto negativo determinato dalla svalutazione della valuta venezuelana nei confronti dell’euro. 

L’utile dell’esercizio è pari a 79,4 milioni di euro, in diminuzione di 66,7 milioni rispetto ai 146,1 milioni del 2015.

 Il CdA di Parmalat proporrà all’assemblea dei soci un dividendo di 0,015 euro per azione. 

Per l’esercizio 2017, a tassi di cambio costanti ed escludendo la controllata Venezuela – data la situazione critica del Paese dovuta anche all’elevata inflazione e alla forte svalutazione della valuta locale – Parmalat stima una crescita, rispetto all’anno precedente, del fatturato netto e del margine operativo lordo intorno al 4% per entrambi gli indicatori

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Parmalat, nel 2016 conti a due velocità