Paesi più indebitati al mondo: Italia peggio di Eritrea e Congo

Il debito pubblico italiano fa preoccupare l'Europa e non solo. Tra i più elevati al mondo, peggio di tutti i Paesi sottosviluppati.

Italia: 132,2%. Tutto verte attorno a questa cifra. Si tratta del rapporto debito/PIL dell’Italia, ormai al centro delle discussioni tra il Governo Conte e la Commissione Europea.

Sul nostro Paese, da diverse settimane, pende la pesante spada di Damocle della procedura d’infrazione per debito eccessivo, che gli altri stati dell’Unione Europea vorrebbero comminarci per aver ripetutamente ignorato gli avvertimenti sullo sforamento dei patti comunitari. Le trattative, condotte direttamente dal Premier Conte e dal Ministro per l’Economia e le Finanze Tria, proseguono a ritmi serrati. L’obiettivo è quello di arrivare al vertice dei Ministri europei delle finanze con un accordo che non comprometta la già labile situazione finanziaria del nostro Paese.

Ma la situazione debitoria dell’Italia è davvero così pessima? Per capirlo, possiamo rifarci a dati e statistiche ufficiali disponibili sul web (e non solo). Secondo l’Eurostat (l’istituto di statistica europeo, l’equivalente continentale della nostra ISTAT), il debito pubblico italiano è arrivato a quota 2300 miliardi di euro, ossia il 132,2% del nostro Prodotto Interno Lordo. Un fardello piuttosto pesante per l’economia nazionale e per i contribuenti, chiamati a ripagare debito e interessi con tasse sempre più elevate. Un dato preoccupante, se confrontato con quello degli altri Paesi dell’area Euro: l’Italia ha il secondo peggior debito continentale (in termini di percentuali), inferiore solo a quello della Grecia (che tocca il 181,1%).

La situazione non migliora se andiamo a comparare il livello di indebitamento del nostro Paese a livello mondiale. Come si evince dall’infografica pubblicata dal sito How Much, basata sui dati elaborati dal World Economic Outlook, l’Italia è la quinta nazione con il livello di indebitamento più elevato al mondo. Peggio del nostro Paese fanno solo il Giappone (rapporto debito/PIL 282%, ma più sostenibile rispetto al nostro dato), Grecia (181%), Barbados (157%) e Libano (147%). All’altro capo della classifica troviamo Hong Kong (con un rapporto debito/PIL dello 0,1%), Brunei, Afghanistan ed Estonia (il Paese europeo con il rapporto più basso).

Spirale del debito pubblico nel mondo

Alle nostre spalle, e quindi con una situazione debitoria più sostenibile della nostra, troviamo praticamente tutto il mondo. Inclusi decine di Paesi del terzo mondo. Immediatamente alle nostre spalle troviamo Eritrea e Congo, due dei Paesi africani più poveri in assoluto. Ma non sono i soli: scorrendo a ritroso la classifica scopriamo che la gran parte dei Paesi “sottosviluppati” ha un livello di indebitamento inferiore al 100% del PIL annuo e una situazione finanziaria apparentemente più sostenibile della nostra. Tra questi troviamo anche alcune eccellenze come Nigeria e Madagascar, il cui livello di indebitamento si aggira attorno al 30% del Prodotto Interno Lordo.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Paesi più indebitati al mondo: Italia peggio di Eritrea e Congo