Paesi Ocse, economie gelate dalla pandemia

(Teleborsa) – Crollo senza precedenti, nel secondo trimestre della’anno, delle economie dei Paesi Ocse, in scia alle misure di contenimento-lockdown lanciate per cercare di arginare la diffusione della pandemia di coronavirus. Lo fa sapere la stessa organizzazione mondiale, in una nota. Nel periodo aprile-giugno, il PIL dell’area Ocse è capitolato, su base trimestrale, del 9,8%. Si tratta del calo maggiore di sempre che si confronta il picco del 2,3% registrato con la Grande Recessione del 2009.

Fra i paesi del G7, il conto più salato è pagato dalla Gran Bretagna che vede il PIL contrarsi del 20,4%. Seguono la Francia e l’Italia, che accusano cali rispettivamente del 13,8% e del 12,4%. Non va meglio a Canada e Germania (-12% e -9,7%), mentre gli Stati Uniti si contraggono del 9,5%.

(Foto: © Tomas Griger | Dreamstime)

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Paesi Ocse, economie gelate dalla pandemia