Ottima seduta per Piazza Affari, trainata dalle banche

(Teleborsa) – Piazza Affari chiude la seduta in grande rialzo, risultando il miglior listino europeo. A trainare l’ottima seduta sono state le banche, che pesano molto sulla borsa italiana ed erano state particolarmente colpite dalla vendite dei giorni scorsi. Le borse del Vecchio Continente hanno perso terreno dopo la diffusione del comunicato al termine della riunione straordinaria della BCE, ma hanno poi riguadagnato terreno nell’ultima parte di seduta. L’esito del meeting straordinario di Francoforte ha deluso molti osservatori, che speravano in una mossa più decisa, in quanto non ha fornito dettagli sullo strumento anti-spread, ma solo ribadito l’impegno a studiare nuovi strumenti.

Nel pomeriggio sono poi arrivati molti commenti da parte di funzionari della BCE, dall’italiano Panetta che ha detto che lo scudo anti-frammentazione “non impedisce la nostra politica monetaria, ma è condizione necessaria per portare l’inflazione di nuovo al 2%”, all’olandese Knot che ha sottolineato l’impegno a lavorare in maniera accelerata sulla messa a punto di nuovi possibili strumenti per contrastare la frammentazione”.

L’Euro / Dollaro USA continua la seduta poco sotto la parità, con un calo dello 0,23%. Lieve aumento dell’oro, che sale a 1.820,3 dollari l’oncia. Il Petrolio (Light Sweet Crude Oil) perde lo 0,99% e continua a trattare a 117,8 dollari per barile.

Sensibile miglioramento dello spread, che raggiunge quota +214 punti base, con un decremento di 22 punti base, con il rendimento del BTP a 10 anni che si posiziona al 3,78%.

Tra i listini europei in luce Francoforte, con un ampio progresso dell’1,36%, andamento positivo per Londra, che avanza di un discreto +1,2%, e ben comprata Parigi, che segna un forte rialzo dell’1,35%.

Sessione euforica per Piazza Affari, con il FTSE MIB che mostra in chiusura un balzo del 2,87%, bloccando così la scia ribassista sostenuta da sei cali consecutivi, che ha preso il via il 7 di questo mese, mentre, al contrario, si è mosso al ribasso il FTSE Italia All-Share, che ha perso lo 0,41%, chiudendo a 23.874 punti.

Balza in alto il FTSE Italia Mid Cap (+2,15%); con analoga direzione, su di giri il FTSE Italia Star (+2,12%).

Nella Borsa di Milano, il controvalore degli scambi nella seduta odierna è stato pari a 2,06 miliardi di euro, in calo di 415,8 milioni di euro, rispetto ai 2,48 miliardi della vigilia; i volumi si sono attestati a 0,52 miliardi di azioni, rispetto ai 0,64 miliardi precedenti.

In cima alla classifica dei titoli più importanti di Milano, troviamo Fineco (+6,72%), Pirelli (+4,93%), DiaSorin (+4,62%) e Intesa Sanpaolo (+4,60%).

Le peggiori performance, invece, si sono registrate su Saipem, che ha chiuso a -5,41%.

Lettera su Tenaris, che registra un importante calo del 2,98%.

Tra i protagonisti del FTSE MidCap, Fincantieri (+6,13%), Tinexta (+5,36%), MARR (+4,68%) e El.En (+4,63%).

Le peggiori performance, invece, si sono registrate su OVS, che ha chiuso a -2,63%.

Spicca la prestazione negativa di Ariston Holding, che scende dell’1,49%.

Mfe A scende dell’1,25%.

Tra i dati macroeconomici rilevanti:

Mercoledì 15/06/2022
01:50 Giappone: Ordini macchinari core, mensile (atteso -1,5%; preced. 7,1%)
04:00 Cina: Produzione industriale, annuale (atteso -0,7%; preced. -2,9%)
04:00 Cina: Vendite dettaglio, annuale (atteso -7,1%; preced. -11,1%)
06:30 Giappone: Indice servizi, mensile (preced. 1,3%)
08:45 Francia: Prezzi consumo, annuale (atteso 5,2%; preced. 4,8%).