Orrori nelle carceri di Damasco

(Teleborsa) – Human Rights Watch, organizzazione non governativa internazionale che si occupa della difesa dei diritti umani, ha comunicato di aver visionato 19 fotografie scattate da un militare disertore siriano, che ritraggono 19 vittime decedute nelle carceri di Damasco.

Sarebbero circa 7.000 le morti nelle carceri di Assad, sopravvenute a causa di torture, maltrattamenti o per giustizia sommaria, lo ha ribadito HRW.

I dettagli delle morti gettano nuova luce sulle condizioni subite dai detenuti, in almeno cinque centri di detenzione gestiti dal governo di Damasco, che si pensa abbia incarcerato oltre 100.000 persone dall’inizio delle proteste anti-regime, scoppiate nel marzo 2011.

I documenti attestanti gli orrori siriani, sono stati resi pubblici oggi a Mosca, in attesa della riunione del Gruppo di Sostegno internazionale formato da 17 nazioni, pronte a riunirsi a New York il prossimo 18 dicembre per un ulteriore tentativo di trovare una via d’uscita guerra civile siriana che dura da 5 anni e che continua a devastare la regione mediorientale con pericolosi riverberi anche in Europa a causa del flusso migratori.

Human Rights Watch ha detto che alcuni dei morti sono inequivocabilmente riconducibili a cinque centri di detenzione e a  due ospedali pubblici di Damasco.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Orrori nelle carceri di Damasco