Opere, Giovannini: “Non tutte commissariabili. Necessario velocizzare procedure”

(Teleborsa) – E’ in programma il commissariamento di 58 opere in Italia, che sono rimaste bloccate per problemi di vario tipo. Lo ha confermato il Ministro alle Infrastrutture, Enrico Giovannini, spiegando “nei giorni scorsi ho invitato il Parlamento a sostenere l’iniziativa presa dal precedente governo” che porterà all’approvazione di un decreto ad hoc entro il 30 giugno.

Il Ministro ha però precisato “saremo molto selettivi” perché “in alcuni casi i commissari possono essere utili, in altri bisogna velocizzare altre fasi“.

Il titolare alle Infrastrutture, in particolare, ha messo il punto sul miglioramento delle norme. “Questa settimana incontrerò i ministri Franceschini e Cingolani” – ha affermato – per “capire se internamente riusciamo comunque a velocizzare certe procedure, magari mettendo più risorse sugli organismi tecnici“.

A proposito dell’impiego dei fondi del Recovery Plan per le grandi opere, Giovannini ha affermato che il governo sta facendo “uno sforzo straordinario”, perché l’UE “chiede una quantità di dati cui questo paese non è abituato” e che i progetti siano pronti entro il 2026. Per il Ministro, il modello Genova “non è facilmente ripetibile”, perché in quel caso “si trattava di ricostruire ponte con finanziamenti privati in un dato spazio”, ma “se si fosse voluto spostare il tragitto del ponte ci sarebbero state difficoltà normative”.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Opere, Giovannini: “Non tutte commissariabili. Necessario veloci...