Opening Bell stonata per Wall Street. Fed in focus

(Teleborsa) – Partenza prudente per la borsa di Wall Street in una giornata priva di indicazioni macroeconomiche. L’attenzione degli investitori resta concentrata sula Federal Reserve e sul meeting di fine mese. I dati sul mercato del lavoro americano, diffusi nella seduta di venerdì scorso, hanno smorzato le aspettative di un taglio dei tassi di interesse negli Stati Uniti. Indizi in tal senso potrebbero giungere domani con l’audizione al Congresso del presidente della Fed, Jerome Powell.

Tra gli indici statunitensi, il Dow Jones continua la seduta con un leggero calo dello 0,37%, portando avanti la scia ribassista di tre cali consecutivi, avviata venerdì scorso; sulla stessa linea, si muove al ribasso lo S&P-500, che perde lo 0,31%, scambiando a 2.966,65 punti. Leggermente negativo il Nasdaq 100 (-0,28%), come l’S&P 100 (-0,3%).

Risultato negativo a Wall Street per tutti i settori dell’S&P 500. Nella parte bassa della classifica del paniere S&P 500, sensibili ribassi si manifestano nei comparti beni industriali (-0,54%), finanziario (-0,52%) e telecomunicazioni (-0,48%).

Tra le migliori Blue Chip del Dow Jones, Merck & Co (+0,68%), Johnson & Johnson (+0,57%) e Wal-Mart (+0,55%).

I più forti ribassi, invece, si verificano su 3M, che continua la seduta con -1,60%.

Calo deciso per Intel, che segna un -1,19%.

Sotto pressione United Health, con un forte ribasso dell’1,00%.

Sostanzialmente debole Goldman Sachs, che registra una flessione dello 0,95%.

Tra i best performers del Nasdaq 100, Western Digital (+1,78%), Micron Technology (+1,39%), Netflix (+1,34%) e Analog Devices (+0,52%).

I più forti ribassi, invece, si verificano su Electronic Arts, che continua la seduta con -2,09%.

Soffre Marriott International, che evidenzia una perdita dell’1,72%.

Preda dei venditori Illumina, con un decremento dell’1,60%.

Si concentrano le vendite su Intel, che soffre un calo dell’1,14%.

Opening Bell stonata per Wall Street. Fed in focus