Opening bell stonata a Wall Street. Delude il mercato del lavoro

(Teleborsa) – Partenza al ribasso per la borsa americana, come anticipato dai future a stelle e strisce. , con il presidente americano, Donald Trump, che sta valutando di imporre ulteriori dazi sulle importazioni da Pechino per un valore di 100 miliardi di dollari.

Dal fronte macroeconomico si segnala, invece, la delusione del dato sul mercato del lavoro, che a marzo ha evidenziato un aumento degli occupati del settore non agricolo inferiore alle attese (+103mila contro i +193mila indicati dal mercato), con il tasso di disoccupazione stabile al 4,1% (+4% il consensus). In linea con le attese, però, le retribuzioni medie orarie (+0,3% m/m e +2,7% a/a), monitorate con attenzione dalla Federal Reserve in quanto buon indicatore sia dello stato di salute del mercato del lavoro che delle pressioni inflazionistiche. 

A Wall Street, il Dow Jones è in calo (-0,85%) e si attesta su 24.295,78 punti, troncando così la scia rialzista sostenuta da tre guadagni consecutivi iniziata martedì scorso. Si muove al ribasso anche l’S&P-500, che perde lo 0,68%, scambiando a 2.644,61 punti. In discesa il Nasdaq 100 (-0,71%).

Risultato negativo a Wall Street per tutti i settori dell’S&P 500. Nella parte bassa della classifica del paniere S&P 500, sensibili ribassi si manifestano nei comparti Finanziario (-1,11%), Materiali (-0,87%) e Sanitario (-0,86%).

Giornata da dimenticare per tutte le Blue Chip del Dow Jones, che mostrano una performance negativa. Le più forti vendite si manifestano su Goldman Sachs che accusa una flessione dell’1,64%. Soffre Caterpillar, che evidenzia una perdita dell’1,53%. Preda dei venditori American Express, con un decremento dell’1,25%. Si concentrano le vendite su JP Morgan, che soffre un calo dell’1,07%.

Vodafone è l’unica performance positiva del Nasdaq-100, con un aumento dello 0,82% Le peggiori performance, invece, si registrano su Incyte -20,37%. Affonda Xilinx, con un ribasso del 3,55%. Crolla Micron Technology, con una flessione del 2,35%. Vendite su Charter Communications, che registra un ribasso dell’1,62%.

Opening bell stonata a Wall Street. Delude il mercato del lavoro