Opening bell stonata a Wall Street

(Teleborsa) – Avvio negativo per la Borsa di New York dopo i commenti non troppo positivi del presidente americano, Donald Trump, sull’accordo commerciale raggiunto tra USA e Cina.

Riflettori puntati anche sui verbali della riunione di politica monetaria della Fed dell’1-2 maggio, che potranno fornire indicazioni importanti sulle future mosse al rialzo sui tassi di interesse da parte della Banca Centrale americana.

Sul fronte macro da segnalare le richieste di mutuo settimanali, scese sui minimi degli ultimi 17 anni e mezzo. Si attende la diffusione del PMI di maggio, delle vendite di case nuove e delle scorte di petrolio settimanali

In avvio si registra un calo dello 0,41% sul Dow Jones, un ribasso dello 0,39% sull’S&P-500, a 2.713,83 punti. Sui livelli della vigilia il Nasdaq 100 (-0,17%).

Andamento negativo negli States su tutti i comparti dell’S&P 500. Nella parte bassa della classifica del paniere S&P 500, sensibili ribassi si manifestano nei comparti Finanziario (-0,66%), Energia (-0,63%) e Materiali (-0,55%).

Tutte le Blue Chip del Dow Jones perdono terreno a Wall Street. I più forti ribassi si verificano su General Electric -1,37%. Walt Disney scende dell’1,17%. Calo deciso per Wal-Mart, che segna un -1,13%. Sotto pressione 3M, con un forte ribasso dell’1,01%.

Tra i protagonisti del Nasdaq 100, Ctrip.Com International (+6,88%), Align Technology (+1,41%) e Twenty-First Century Fox (+0,97%). Le peggiori performance, invece, si registrano su Xilinx -4,14%. Pesante Asml Holding N.V. Represents, che segna una discesa di ben -2,24 punti percentuali. Seduta drammatica per Walgreens Boots Alliance, che crolla del 2,15%.

Opening bell stonata a Wall Street