Opening bell intonata a Wall Street

(Teleborsa) – Apertura positiva per la Borsa di New York che torna a salire dopo le perdite registrate ieri 13 novembre. Mercati americani in salute dopo la diffusione del dato relativo all‘inflazione nel Paese nel mese di ottobre, che si è mostrata in crescita in linea con le attese e ai massimi da 9 mesi. In calendario nel pomeriggio il dato sulle scorte di petrolio, tema caldo dopo che l’Arabia Saudita ha valutatol’ipotesi di ridurre le esportazioni. Per quanto riguarda il fronte commerciale, continuano i colloqui tra Cina e USA, con le due delegazioni che sondano il terreno in vista dell’incontro tra Trump e Xi Jinping previsto per fine novembre a Buenos Aires.

Dunque variazioni con segno più in avvio a Wall Street, che mostra sul Dow Jones un rialzo dello 0,57%, spezzando la serie negativa iniziata venerdì scorso; sulla stessa linea, lo S&P-500 inizia la giornata in aumento dello 0,73%. Sale il Nasdaq 100 (+0,93%); poco sotto la parità lo S&P 100 (-0,2%).

Nell’S&P 500, buona la performance dei comparti beni di consumo secondari (+1,34%), beni industriali (+0,97%) e materiali (+0,93%). In fondo alla classifica, sensibili ribassi si manifestano nel comparto utilities, che riporta una flessione di -0,94%.

Tra i protagonisti del Dow Jones, Nike (+2,97%), Chevron (+1,71%), Caterpillar (+2,62%) e Home Depot (+1,54%).

Tra i best performers del Nasdaq 100, Ctrip.Com International (+4,21%), Vodafone (+3,14%), Seagate Technology (+2,70%) e Western Digital (+3,53%). Le più forti vendite, invece, si manifestano su Shire, che prosegue le contrattazioni a -0,92%.

Sottotono Mylan che mostra una limatura dello 0,87%.

Opening bell intonata a Wall Street