Opening bell intonata a Wall Street

(Teleborsa) – Wall Street avvia la giornata in lieve rialzo come preannunciato dai futures a stelle e strisce.

Dal fronte macro, deludono gli ordini beni durevoli che scivolano al di sotto delle attese. Delusione anche per l’inaspettato calo dell’attività economica nel Distretto Fed di Chicago che passa in negativo per il mese di maggio.
Per quanto riguarda le corporate, occhi puntati su Alphabet, la holding che controlla Google. Si aprirebbe, infatti, una settimana cruciale per il colosso statunitense del web accusato di abuso di posizione dominante, in particolare di aver manipolato i risultati di ricerca sul proprio motore per avvantaggiare Google Shopping. Secondo nuove indiscrezioni questa settimana l’Antitrust europeo alzerà il velo sulla maxi multa nei confronti di Alphabet.

Tra gli indici americani, il Dow Jones avanza dello 0,30%. Sulla stessa linea, piccolo scatto in avanti per lo S&P-500 che sale dello 0,34% Guadagni frazionali per il Nasdaq 100 (+0,70%).

In buona evidenza nell’S&P 500 il comparto Information Technology.

Al top tra i giganti di Wall Street, Apple (+0,95%), Cisco Systems (+0,75%), Intel (+0,75%) e Caterpillar (+0,67%).

Al top tra i colossi tecnologici di Wall Street, si posizionano Micron Technology (+2,57%), Express Scripts (+1,15%), Jd.Com (+1,12%) e Electronic Arts (+1,12%). Le più forti vendite, invece, si manifestano su Intuit, che prosegue le contrattazioni a -1,17%.

Scivola Regeneron Pharmaceuticals, con un netto svantaggio dell’1,17%.

Fiacca Mattel che mostra un piccolo decremento dello 0,68%.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Opening bell intonata a Wall Street