Open Fiber lancia servizio a 10 Gbps. Bonannini: “Innovazione nel nostro DNA”

(Teleborsa) – Sulla rete Open Fiber si corre sempre più veloci: è stato lanciato il nuovo servizio XGS-PON a 10 Gigabit al secondo simmetrici su tutto il territorio nazionale dopo il successo della fase di sperimentazione a Milano.

“Si tratta di una tecnologia che permette ai clienti FTTH di raggiungere una velocità in accesso fino a 10G sia in download che upload, il che rappresenta un incremento di dieci volte la velocità su rete FTTH attualmente offerta sul mercato broadband italiano”, sottolinea in una intervista Simone Bonannini, Direttore Marketing e Commerciale Open Fiber.

Una evoluzione che non implica grandi modifiche a livello tecnologico. “Per fare ciò non occorre intervenire sulla parte passiva della nostra rete in fibra ma solo un aggiornamento della terminazione ottica a casa del cliente e degli apparati di accesso nei nostri POP“, spiega il manager di Open Fiber, aggiungendo: “Solo la rete in fibra permette di supportare una evoluzione tecnologica così rapida, tenendo il passo, anzi anticipando la sempre crescente domanda di banda. Una rete davvero a prova di futuro. Abbiamo sempre sostenuto che il GPON fosse solo l’inizio, le prospettive future sono tutte da sperimentare e chissà dove riusciremo ad arrivare”.
La sperimentazione è partita due anni fa a Milano “precisamente a marzo 2019”, conferma Bonannini, sottolineando “Open Fiber ha nel suo DNA l’innovazione. Del resto se diamo uno sguardo agli ultimi 20 anni gli unici innovatori in termini di infrastruttura e di modello, nelle telecomunicazioni, siamo stati noi di Open Fiber. Abbiamo dimostrato che il modello neutrale dell’operatore Wholesale Only è vincente ed abbiamo dimostrato, quando tutti sostenevano che la tecnologia FTTC fosse sufficiente, che il paese aveva bisogno di reti in fibra FTTH. Oggi tutti ci seguono. Ci seguiranno anche per la soluzione a 10Gbit/s”.

La soluzione XGS-PON è un’innovazione che porterà grandi benefici al Paese – spiega il direttore Marketing dell’azienda – perché “non è pensata solo per la clientela business ma anche per i consumatori più esigenti, è rivolta ad esempio a quei nuclei familiari che come si è visto con la pandemia hanno avvertito una esigenza crescente per accedere ai servizi di remote learning, telemedicina, streaming video, gaming on line“. “Se aggiungiamo la componente dei servizi ad alta innovazione quali video 8K o realtà aumentata, il cui approdo è atteso già in un imminente futuro – afferma – le prospettive e potenzialità aumentano e ci colloca ancora una volta quali antesignani nella offerta di soluzioni innovative a banda ultra larga che solo una rete in fibra può abilitare.

A proposito delle aspettative dal punto di vista della risposta del mercato, Bonannini ammette “ci aspettiamo in una prima fase un interesse da parte degli utenti residenziali più evoluti, che anche a casa hanno bisogno di connettività elevata. Parliamo di gamers ma anche quei professionisti che da casa hanno necessità di scambiare un elevato flusso di traffico”. “Da parte delle aziende – sottolinea – la tipologia di servizio è in grado di soddisfare le esigenze delle piccole e medie imprese che lavorano in settori ad elevato grado di innovazione tecnologica, che ancora una volta hanno necessità di scambiare un elevato flusso di traffico con clienti e fornitori”

Lato operatori – conclude il manager – “Open Fiber ha stretto accordi con oltre 200 operatori nazionali e internazionali per l’utilizzo della sua rete FTTH. Si tratta di tutti i principali operatori che operano in Italia. In particolare, negli ultimi tempi Open Fiber ha stretto accordi con Orange Business Service, con Sky Italia che veicolerà i suoi contenuti sulla rete OF, con iliad, con PostePay, Eolo, Aruba e molti altri che fanno il loro ingresso nel mondo della connettività in fibra”.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Open Fiber lancia servizio a 10 Gbps. Bonannini: “Innovazione ne...