OPEC, aumento output Russia compensa divario Iran

(Teleborsa) – L’aumento della produzione russa di petrolio, a settembre, ha compensato il calo costante della produzione iraniana. E’ quanto rileva l’OPEC, nel suo rapporto mensile sul mercato petrolifero, sottolineando che l’output di greggio è aumentato di 132.000 barili al giorno attestandosi a quota 32,76 milioni di barili/giorno.

La produzione della Russia, è cresciuta di 150.000 barili al giorno per raggiungere un nuovo record di 11,54 milioni di barili, ha detto l’Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio. Allo stesso tempo, l’output dell’Iran è scesa di 150.000 barili al giorno per raggiungere una media di 3,45 milioni di barili.

L’OPEC stima che la domanda mondiale di petrolio dovrebbe crescere di 1,36 milioni di barili al giorno, nel 2019, in contrazione di 50 mila barili al giorno dalla sua precedente previsione. Il gruppo ha anche ritoccato al’ingiù le stime di domanda per il 2018 di altri 300.000 barili dal mese scorso a 31,8 milioni di barili al giorno.

OPEC, aumento output Russia compensa divario Iran