Olio d’oliva, il crollo della produzione fa impennare i prezzi

(Teleborsa) – Crolla la produzione mondiale di olio d’oliva facendo impennare i prezzi. Un fattore che potrebbe ripercuotersi sui consumi e su un settore cruciale del Made in Italy.

Secondo l’ultimo rapporto dell’International Olive Council, la produzione mondiale è crollata del 20% nella stagione 2016-2017. A farne le spese sarà anche l’Italia con un calo del 61% della produzione e la Grecia che accusa una flessione del 39%. Meno marcata la riduzione della Spagna (-8%), che però pesa per circa il 50% della produzione mondiale. Nel complesso i maggiori produttori europei registrano un calo della produzione del 25%.

Se la produzione è in calo, i consumi faticano a comprimersi, portando ad uno sbilanciamento della domanda sull’offerta di circa il 13%.

Il deficit del mercato si è tradotto in una consistente crescita dei prezzi di produzione, che fanno segnare un +36%  in Spagna, +66% in Italia e +30% in Grecia.

Olio d’oliva, il crollo della produzione fa impennare i pre...