OCSE pessimista, taglia ancora le stime sulla crescita globale

(Teleborsa) – La crescita globale resta ancora un miraggio, di fronte a un modesto recupero nelle economie avanzate e, a un’attività più lenta nei mercati emergenti. 

E’ quanto rileva l’OCSE nel suo Interim Outlook Economic spiegando che “i rischi sulla stabilità finanziaria sono considerevoli” e chiede “una forte risposta collettiva per rafforzare la domanda”. Da sola la politica monetaria non basta, avverte l’organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, facendo eco a quanto affermato nei giorni scorsi dal presidente della BCE, Mario Draghi, che ha esortato i governi centrali a fare la loro parte, attraverso investimenti pubblici e una tassazione più bassa.

Per l’OCSE, l’Eurozona rischia di rimanere intrappolata nella rete di una crescita bassa e, in una dinamica di bassa inflazione. 

L’ente parigino stima ora una crescita del PIL mondiale in espansione al 3% nel 2016 e al 3,3% nel 2017 con un taglio dello 0,3% in entrambi gli anni. 

Quanto all’Area euro l’economia si espanderà all’1,4% dal +1,8% precedente e, in particolare in Italia, crescerà dell’1% ovvero 0,4 punti percentuali in meno rispetto alle precedenti previsioni.  

Per la Cina, confermato un tasso di espansione del PIL al 6,5% quest’anno e del 6,2% nel 2017, mentre per gli USA taglia le previsioni a +2% dal +2,5% precedente.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

OCSE pessimista, taglia ancora le stime sulla crescita globale