OCSE-FAO, prezzi commodity agricole in calo nei prossimi anni

(Teleborsa) – I prezzi delle principali commodity agricole diminuiranno nel corso del prossimo decennio, nonostante l’impennata registrata nell’ultimo anno. A favorire una normalizzazione dei prezzi dei prodotti alimentari saranno l’aumento della produttività agricola e il rallentamento della domanda dalla Cina. È quanto emerge dall’OECD-FAO Agricultural Outlook 2021-2030, rapporto che fornisce prospettive decennali per 40 dei principali prodotti agricoli e ittici a livello globale.

Il rapporto mette in evidenza l’importante ruolo che gli investimenti pubblici e privati ??hanno nel miglioramento della produttività. Nel prossimo decennio, si prevede che la produzione agricola globale aumenterà dell’1,4% annuo, con la produzione aggiuntiva che sarà prodotta prevalentemente nelle economie emergenti e nei paesi a basso reddito. A incidere saranno un accesso più ampio agli input, investimenti volti a migliorare la produttività grazie alla tecnologia, infrastrutture e maggiore formazione.

Gli investimenti nel miglioramento dei raccolti e nella migliore gestione delle aziende agricole guideranno la crescita della produzione agricola globale. Ipotizzando una transizione continua verso sistemi di produzione più intensivi nel prossimo decennio, OCSE e FAO prevedono che l’87% della crescita della produzione agricola globale prevista proverrà da miglioramenti della resa, il 7% dall’aumento dell’intensità delle colture e solo il 6% dall’espansione delle terre coltivate. Secondo l’Outlook, i divari regionali di resa si ridurranno nel prossimo decennio, poiché i raccolti delle principali colture aumenteranno in India e nell’Africa subsahariana attraverso sementi più adattate e una migliore gestione delle colture.

Analogamente alle tendenze nella produzione agricola, una grande quota della prevista crescita della produzione del 14% nella produzione di bestiame e pesce proverrà da miglioramenti della produttività. Tuttavia, si prevede che anche l’allargamento del numero di animali allevati contribuirà in modo significativo alla crescita della produzione nelle economie emergenti e nei paesi a basso reddito. I miglioramenti della produttività nel settore zootecnico saranno ottenuti principalmente attraverso metodi di alimentazione più intensivi, una migliore genetica e migliori pratiche di gestione del bestiame. L’acquacoltura supererà la produzione della pesca di cattura nel 2027 e rappresenterà il 52% di tutta la produzione ittica entro il 2030.

“I prezzi internazionali della maggior parte delle materie prime sono aumentati nella seconda metà del 2020, alimentati dalla forte domanda di mangimi in Cina e dai vincoli alla crescita della produzione globale – si legge nel rapporto – Di conseguenza, si ipotizza un aggiustamento nei primi anni del periodo di analisi. Successivamente, i fondamentali del mercato dovrebbero portare a un lieve calo dei prezzi reali trainato da miglioramenti della produttività e dal rallentamento della crescita della domanda“. Il calo dei prezzi potrebbe però mettere sotto pressione il reddito degli agricoltori, in particolare i piccoli proprietari terrieri e gli agricoltori familiari, che non sono in grado di abbassare sufficientemente i loro costi grazie alla migliore produttività.

(Foto: Joao Marcelo on Unsplash)

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

OCSE-FAO, prezzi commodity agricole in calo nei prossimi anni