Occupazione femminile, ASVIS: “Insufficienti le risorse del PNRR per abbattere il divario di genere”

(Teleborsa) – “Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza deve diventare il piano per il Paese, deve coinvolgere società civile e organizzazioni economiche e di rappresentanza, ma deve anche dare voce alle donne che sono più del 50% della popolazione italiana. Per questo, mentre si deve riconoscere che alcuni importanti primi passi sono stati compiuti, non possiamo non rimarcare che sono ancora molti quelli da fare”. Il presidente dell’Alleanza italiana per lo Sviluppo sostenibile Pierluigi Stefanini sintetizza così l’analisi approfondita che l’Asvis ha fatto del PNRR – alla luce del Goal 5 dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite – nel corso dell’Asvis Live sulla parità di genere, seconda tappa di avvicinamento al Festival dello Sviluppo Sostenibile in calendario dal 28 settembre al 14 ottobre prossimi.

“Complessivamente – aggiunge Stefanini – il Piano deve essere monitorato attentamente nel perseguimento degli obiettivi dichiarati in tema di riequilibrio fra uomo e donna, attraverso l’articolazione progettuale e l’eventuale integrazione delle risorse europee con risorse nazionali”.

Per l’Alleanza il terreno da recuperare è molto. Basta ricordare, ad esempio, – spiega l’Asvis in una nota – che il tasso di occupazione femminile è ancora ben oltre 10 punti sotto la media europea: nel 2020, quindi prima della pandemia che ha ulteriormente peggiorato la situazione, era del 49% contro una media europea del 62,5%. Deve quindi – prosegue la nota – essere giudicato positivamente l’aver inserito nel PNRR la trasversalità dell’uguaglianza uomo-donna rispetto all’asse strategico “Inclusione sociale”, assieme all’attenzione ai giovani e al superamento dei divari territoriali.

Secondo l’Asvis è da giudicare altrettanto positivo aver inserito nel Piano la cosiddetta clausola di condizionalità, diretta a subordinare l’esecuzione dei progetti all’assunzione di giovani e donne ed avere, col Decreto Semplificazioni, fissato l’obbligo per le aziende con più di 15 dipendenti che partecipano alle gare di appalto, di garantire almeno il 30% di occupazione femminile e giovanile.


Da registrare positivamente, alzando lo sguardo a livello internazionale, che per la prima volta – evidenzia l’Alleanza – il G20 varerà una road map per l’empowerment delle donne che deve comprendere – oltre alle misure per l’occupazione femminile, la ricerca per una medicina di genere e altre misure per valorizzare la presenza femminile in ogni settore della vita pubblica – anche un piano biennale di tutti i governi contro gli stereotipi di genere.

Tornando sul piano nazionale, dagli interventi delle coordinatrici del gruppo di lavoro sulla parità di genere, sono anche emersi gli aspetti del PNRR valutati negativamente. L’Asvis non giudica chiari, ad esempio, gli strumenti per garantire l’accesso delle donne ai settori digitale e green a cui sono destinate le maggiori risorse del Piano; sono giudicate inadeguate le risorse, pari a 400 milioni, per l’imprenditoria femminile che rappresenta il 22% del totale del settore produttivo italiano; insufficienti quelle destinate al ciclo educativo 0-6 anni, e in particolare quelle per gli asili nido per i quali è previsto di arrivare nel 2026 al 37% di copertura che oggi è al 25,5 ovvero poco sopra a quel 33% che era stato fissato già nel 2010 dal Consiglio Europeo di Barcellona.

L’Alleanza giudica insufficienti anche gli investimenti in infrastrutture sociali e servizi sociosanitari integrati e di territorio che liberano le donne dai carichi di cura-infanzia, anziani, disabili e che nello stesso tempo sono volano per l’occupazione femminile.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Occupazione femminile, ASVIS: “Insufficienti le risorse del PNRR...