Obamacare, slitta voto del Congresso

(Teleborsa) – Nessun accordo sull’Obamacare. Il Congresso USA ha rinviato la votazione sulla legge che dovrebbe sostituire la riforma sanitaria fortemente voluta dal Presidente Barack Obama e nota appunto con il nome di Obamacare.

Il cambio di passo sulla legge voluta dal predecessore di Trump che obbliga tutti i cittadini americani ad avere un’assicurazione sanitaria, garantendo anche una serie di sussidi e di sgravi fiscali agli strati più poveri della popolazione, è una delle promesse del neo presidente che dalla sua elezione non ha perso tempo per mettere in atto i suoi propositi. E dopo i posti di lavoro garantiti, il muro con il Messico le rimostranze verso il Medioriente e Islam e la Riforma finanziaria arriva anche il turno della Riforma sanitaria. 

Il provvedimento però spacca il fronte repubblicano. Così la Camera dei Rappresentanti del Congresso USA ha deciso di rimandare il voto che era previsto entro la giornata di ieri, 23 marzo. 
Il rinvio è arrivato in seguito al fallimento delle pressioni del presidente Trump sui membri repubblicani del Congresso non intenzionati a sostituire l’Obamacare.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Obamacare, slitta voto del Congresso