Nvidia-ARM, fusione nel mirino delle antitrust europea e britannica

(Teleborsa) – La fusione fra Nvidia, produttore americano di schede grafiche, e ARM Holding, leader europea dei chip, finisce nel mirino delle autorità antitrust europea e inglese.

Secondo quanto riporta il Financial Times, l’operazione annunciata lo scorso settembre, che ha un valore di 40 miliardi di dollari, sarebbe allo studio delle due authority che hanno ricevuto una serie di reclami da parte di diversi competitor.

ARM holdings è specializzata in chip per smartphone e altri dispositivi ed ha una posizione dominante nel mercato, che quindi alimenta serie preoccupazioni per la sicurezza nazionale in Regno Unito, ma nello steso tempo il deal desta perplessità sul fronte concorrenziale sotto l’aspetto della parità di trattamento.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Nvidia-ARM, fusione nel mirino delle antitrust europea e britannica