Nuovo Zelanda, il PIL cresce meno del previsto

(Teleborsa) – Crescita ancora sostenuta per la Nuova Zelanda nel 2° trimestre, grazie al buon andamento del settore costruzioni, che ha contribuito al valore aggiunto del PIL, ed alla forte crescita dell’export e della domanda interna.

Nel 2° trimestre c’è stata una espansione del PIL dello 0,9%, inferiore all’1,1% atteso dagli economisti, mentre su base tendenziale il prodotto interno lordo è aumentato del 3,6%, poco sotto il 3,7% del consensus.

Questa evoluzione, pur inferiore alle attese, stempera le attese di un nuovo taglio dei tassi della banca centrale. 

Nuovo Zelanda, il PIL cresce meno del previsto