Nuovo futuro per Crik Crok: parte processo risanamento e rilancio marchio

(Teleborsa) – Una nuova nascita per Crik Crok, lo storico marchio di snack salati, famosi in tutto il mondo, che ingolosisce ogni palato dal 1949. Dopo varie vicissitudini che ne avevano influenzato la visibilità aziendale nel corso degli ultimi anni, Crik Crok è finalmente pronta a scrivere un nuovo capitolo della sua storia.

A capo del processo di risanamento e rilancio una donna, Francesca Ossani, che ha rilevato il marchio. Dopo varie vicissitudini, vertenze e immissioni di denaro, Crik Crok è sostanzialmente sua: in data 3 maggio 2019, infatti, il Tribunale di Velletri ha emesso il “decreto di omologa” del concordato preventivo presentato dalla società Ica Foods SpA. La domanda di concordato preventivo – presentata nel giugno 2017, dopo che gli era stata respinta la prima del 2015 – è basata essenzialmente sulla proposta irrevocabile per l’acquisto del ramo d’azienda Crik Crok da parte di AT Srl, di proprietà appunto di Francesca Ossani.

La Ica Foods International srl ha condotto fino a oggi l’azienda Crik Crok, in regime d’affitto d’azienda sotto la guida della stessa Francesca, al fine di permettere la continuità aziendale dell’impresa, durante la lunga procedura concordataria.

La strategia di risanamento e rilancio, già progettata ed in fase di implementazione, si evolve nella progressiva e decisa riduzione delle perdite di bilancio sino a conseguire, entro il prossimo esercizio finanziario, il pareggio del risultato industriale e la ripresa della produzione di flussi finanziari positivi essenzialmente tramite l’ampliamento della quota di mercato.

La visione strategica del nuovo management – guidato da Francesca Ossani e Sandro Scagnoli, rispettivamente Presidente e Direttore Generale di Ica Foods International Srl – prevede una radicale trasformazione, fondata su un profondo rinnovamento dei processi produttivi e degli standard qualitativi.

Crik Crok, che oggi consta di una forza lavoro di 154 dipendenti diretti e 500 agenti sul territorio italiano, è un marchio noto e presente anche sui mercati esteri, con agenti e distributori locali presenti in Spagna, Portogallo, Francia, Croazia, Malta, Brasile, Algeria, Emirati Arabi, etc.

Nuovo futuro per Crik Crok: parte processo risanamento e rilancio&nbsp...