Nuovi guai per Apple. Francia indaga su rallentamenti

(Teleborsa) – La giustizia francese ha aperto un’indagine contro Apple per truffa e obsolescenza programmata, dopo le ammissioni fatte dal colosso di Cupertino a fine dicembre sul rallentamento delle batterie di alcuni modelli di iPhone per evitare spegnimenti improvvisi.

La procura della Repubblica presso il Tribunale di Nanterre accerterà se la Mela Morsa abbia deliberatamente messo in atto tecniche per ridurre la durata di funzionamento dei dispositivi con il fine di indurre i clienti a comprare nuovi melafonini. Grazie alla legge Hamon, in Francia, questa pratica è reato. 

Intanto due grandi azionisti hanno chiesto all’azienda una maggiore responsabilità sociale per contenere la dipendenza da iPhone dei bambini, reclamando nuovi strumenti software per aiutare i genitori a controllare l’uso dell’iPhone da parte dei figli ma anche la necessità di studiare l’impatto di un uso eccessivo degli smartphone sulla salute mentale dei giovani.

Nuovi guai per Apple. Francia indaga su rallentamenti
Nuovi guai per Apple. Francia indaga su rallentamenti