Nuova fiammata del petrolio. Brent torna sopra 80 dollari al barile

(Teleborsa) – I timori per un calo delle esportazioni di petrolio dall’Iran mettono il turbo alle quotazioni dell’oro nero.

Il West Texas Intermediate (WTI) sta guadagnando oltre 70 centesimi a 72,27 dollari al barile mentre il Brent si è riportato sopra quota 80 dollari al barile – precisamente a 80,04 dollari, con un incremento di 76 centesimi – per la prima volta dal novembre del 2014.

Ad alimentare gli acquisti la decisione del Presidente statunitense Donald Trump di uscire dall’accordo sul nucleare in Iran e di ripristinare le sanzioni a carico di Teheran.

Nuova fiammata del petrolio. Brent torna sopra 80 dollari al bari...