Nell’operazione Alitalia rispunta davvero il Gruppo Toto

(Teleborsa) – Carlo Toto sempre con in testa il “pallino” Alitalia. L’imprenditore abruzzese, già coinvolto nella vicenda “Capitani coraggiosi” caldeggiata da Silvio Berlusconi con la cessione del 12 dicembre 2008 a CAI-Compagnia Aerea Italiana (trasformata in Alitalia-CAI il successivo 30 dicembre) dalla propria AP Holding delle società Air One, Air One CityLiner, Air One Technic ed EAS – European Avia Service nel poi fallito salvataggio Alitalia-CAI, ora nel ruolo di outsider per la soluzione al rebus azionisti della nuova Alitalia. Arriva, infatti, conferma di una lettera datata 23 maggio, a firma di Lino Bergonzi AD del Gruppo Toto, indirizzata a FS che entro il 15 giugno dovrà presentare l’offerta vincolante per l’acquisto dei rami d’azienda della società Alitalia.

L’imprenditore abruzzese, che appunto a fine 2008 fu protagonista dell’operazione di fusione di Alitalia con la sua compagnia aerea AirOne, ceduta per un valore di 450 milioni con l’aggiunta di debiti per altri 600, si rifà dunque avanti per chiedere di intavolare la trattativa con Fs, Delta Air Lines e Mise che formano il 60% del capitale ipotizzato per la Newco (pari a un miliardo).

“Riteniamo che il nostro Gruppo possa dare un contributo essenziale per il successo del progetto di rilancio di Alitalia”, dichiara nella missiva il Gruppo Toto, la cui offerta di partnership nella delicata operazione di rilancio della ex compagnia di bandiera dovrà essere necessariamente sottoposta a valutazione nei prossimi giorni. Ben sapendo che la componente sindacale, e a quanto sembrerebbe anche Delta Air Lines, difficilmente gradirebbe questa soluzione.

Il Mise, che si è impegnato a convertire gli interessi del prestito ponte arrivando a coprire il 15% del monte azioni della Newco, considera il dossier Alitalia una operazione di mercato e come tale è disposto a prendere in considerazione tutte le offerte che offrano garanzie finanziarie. Quelle del Gruppo Toto potrebbero essere legate alla società Renexia, guidata da Riccardo Toto, uno dei quattro figli di Carlo Toto.

Nell’operazione Alitalia rispunta davvero il Gruppo Toto