Nel Milleproroghe anche il commissariamento del GSE

(Teleborsa) – Un’altra Authority paralizzata con l’azzeramento del CdA ed il conseguente commissariamento. Dopo le tlc, la privacy e l’anticorruzione è la volta del Gestore dei servizi elettrici, l’autorità a controllo pubblico che si occupa dello sviluppo delle rinnovabili in Italia, un polo che vale 14 miliardi di euro.

Il decreto Milleproroghe, approvato dal Governo con la formula “salvo intese”, ha disposto il commissariamento del GSE, a causa dell’impossibilità di funzionare per i ben noti contrasti dei vertici della Spa “pubblica”, i cui compiti principali sono erogare incentivi a favore della produzione di energia da fonti rinnovabili e promuovere l’efficienza energetica.

Nel provvedimento, infatti, spunta anche l’articolo “Disposizioni in materia di organizzazione di GSE” (art.44), che prevede la nomina entro 15 giorni dalla data di entrata in vigore del decreto, da parte del CdM, su proposta del Ministro dello sviluppo economico e del Ministro dell’economia e delle finanze, di un commissario per la società GSE S.p.A., che resterà in carica fino all’approvazione del bilancio dell’esercizio 2020. E, naturalmente, si dispone la contestuale decadenza del CdA a partire dalla nomina del nuovo commissario.

Il decreto affida al commissario poteri di ordinaria e straordinaria amministrazione della società, disponendo un compenso in linea con quello previsto per la carica di amministratore delegato nelle società pubbliche.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Nel Milleproroghe anche il commissariamento del GSE