Nautica, Italia prima al mondo nellla produzione di yacht

(Teleborsa) – I Saloni nautici d’autunno che hanno chiuso la stagione estiva 2016 e quelli invernali del 2017 che preludono alla nuova stagione, confermano la ripresa più solida e stabile rispetto alle anticipazioni dello scorso anno, del mercato della nautica in Europa.

Se il 2013 si è mostrato come l’anno simbolo dell’arresto della crisi per il settore, il 2014 e 2015 si sono rivelati come gli anni della ripresa, seppur debole e trainata principalmente dall’export. Secondo gli ultimi dati il nostro Paese, con una valore della produzione pari a 1,7 miliardi di euro, rappresenta il 10% del mercato mondiale delle nuove imbarcazioni da diporto ed è il secondo Paese produttore al mondo dopo gli Stati Uniti.

Ancora una volta la percentuale della produzione cantieristica rivolta all’export supera il 90%. Se, quindi, da un lato, la bilancia dei pagamenti risulta estremamente positiva, dall’altro il dato testimonia la perdurante fragilità del nostro mercato interno.

Se ne sta parlando, oggi 12 Maggio, a Viareggio in un convegno organizzato dalla CNA per presentare il Quinto rapporto sulla nautica da diporto “Dinamiche e Prospettive di Mercato della Filiera Nautica del Diporto”.

Indubbiamente l’elemento più forte a sostegno della produzione nautica italiana è costituito dalla cantieristica dei grandi yacht che, come noto, vede il nostro Paese leader assoluto nel mondo. In particolare oltre il 70% del valore della produzione cantieristica nazionale è interpretato da meno di dieci cantieri, la restante componente del 30% fa capo a non meno di 50/60 piccoli cantieri, molti dei quali orientati quasi esclusivamente al mercato interno.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Nautica, Italia prima al mondo nellla produzione di yacht