Natale, Confcommercio: tredicesime più magre, solo 74% farà regali

(Teleborsa) – Tredicesime più leggere e forte contrazione della spesa per regali. Nonstante la volontà di reagire e la riapertura dei negozi in molte regioni, quello del 2020 sarà un Natale più magro per tante famiglie. Quest’anno, l’ammontare complessivo delle tredicesime è inferiore di quasi il 5% rispetto a quello del 2019, da 43,3 miliardi di euro a 41,2, secondo l’Ufficio Studi di Confcommercio. Questa situazione, causata “prevalentemente del calo dell’occupazione e della Cig”, farà scendere anche la quota di tredicesima destinata ai consumi: è prevista in calo di circa il 12% con una riduzione di spesa per famiglia dell’11,1%, dai 1.501 euro del 2019 ai 1.334 di quest’anno.

A diminuire è anche la quota d’italiani che acquisteranno regali natalizi, soltanto il 74,2% dei consumatori, la percentuale più bassa dall’inizio della rilevazione di Confcommercio. L’anno scorso la quota era pari all’86,9%. L’associazione stima anche la più alta percentuale di persone che prevede un Natale molto dimesso (84,5% contro il 68,7% del 2019). Quanto alla spesa, quest’anno ai regali saranno destinati complessivamente 7,3 miliardi, in calo del 18% rispetto allo scorso anno (8,9 miliardi). In termini pro capite, si spenderanno 164 euro, cifra leggermente inferiore a quella del Natale 2019 (circa 170 euro).

“La crisi rallenta i consumi e l’emergenza Covid obbliga ancora molte imprese a restare chiuse come quelle della ristorazione. Ma c’è tanta voglia di ripartire che va incoraggiata – ha commentato il presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli – Bene, come da noi richiesto, che l’ultimo decreto preveda l’esonero degli oneri fiscali per le imprese più penalizzate. Un’attenzione necessaria che chiediamo anche per gli indennizzi che devono essere ancora rafforzati”.

Nel 2019 il mese di dicembre valeva 110-115 miliardi di euro di spese per consumi (inclusi affitti, utenze, servizi), pari a circa 81 miliardi per le sole spese commercializzabili, cioè alimentari, abbigliamento, mobili, elettrodomestici bianchi e bruni, computer, cellulari e comunicazioni, libri, ricreazione, spettacoli e cultura, giocattoli, alberghi, bar e ristoranti. Nel 2020 questa spesa scende a circa 73 miliardi di euro correnti. Dicembre potrebbe “valere ancora di più se ci fossero condizioni più favorevoli di contesto e di fiducia: molti italiani potrebbero spendere le risorse involontariamente accumulate durante il lockdown per mancanza oggettiva di opportunità di consumo”, sottolinea Confcommercio. I risparmi detenuti in forma liquida sono infatti cresciuti di 80 miliardi di euro nei primi sei mesi del 2020 rispetto alla prima parte del 2019.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Natale, Confcommercio: tredicesime più magre, solo 74% farà regali