Mutui, il cambio di passo delle banche

Il nuovo trend è finanziare più dell’80% del capitale

(Teleborsa) Casa e mutuo: un binomio che, soprattutto negli anni della crisi, ha camminato praticamente di pari passo. Con tutte le difficoltà del caso perché ovviamente riuscire ad accedere a un prestito è un’impresa tutt’altro che facile per tante famiglie italiane.

L’onda lunga della crisi, però, ha finito per ridisegnare le strategie del mercato e aperto a nuovi scenari, persino quelli che potrebbero sembrare paradossali. E se adesso fossero le banche ad andare a caccia di mutuatari e non più  il contrario?
Lo  riporta il Sole 24ore analizzando due fattori in particolare che stanno influenzando le dinamiche. Da un lato, il calo delle operazioni di surroga che adesso faticano a tenere il passo. mentre negli ultimi hanno praticamente sostenuto il mercato dei mutui
Dall’altro, sembrano ancora lontani segnali convincenti di ripresa sul mercato delle compravendite immobiliari, che rappresentano, in pratica, il vero motore della domanda.
La conferma, appunto, arriva dal barometro Crif che ha registrato a febbraio in Italia una nuova contrazione nelle richieste dei mutui pari al 6,9% rispetto a 12 mesi prima, dopo che nella seconda parte del 2017 si era già visto un calo del 17% sull’anno precedente.
 
BANCHE, CAMBIO DI PASSO – Alle banche, dunque, non resta che cambiare passo. Il nuovo trend sui mutui bancari è quello di far sì che si possa andare oltre l’80% del valore dell’immobile offrendo dei mutui così convenienti per cercare anche di fidelizzare i clienti, garantendo loro anche altri servizi.
“Dal nostro osservatorio appare chiaro un ritorno di interesse per l’offerta di mutui di acquisto che vanno a finanziare oltre l’80% del valore dell’immobile oggetto di acquisto”, fa sapere Stefano Rossini, a.d. di MutuiSupermarket.it.
MUTUI, RIDUZIONE DEGLI SPREAD – Le  banche stanno anche riducendo gli spread, che in alcuni casi sono scesi anche sotto lo 0,2%, raggiungendo nuovi minimi storici. Ovviamente è il tasso fisso a godere di differenziali così bassi, mentre per i tassi variabili, complice l’Euribor ridotto a zero o in negativo, si riesce comunque a stare sotto l’1%.
Intanto, arriva una nuova iniziativa dell’Abi. Pillole video per dare informazioni “semplici e dirette” sui mutui casa. E’ il percorso formativo e informativo lanciato appunto  dall’Abi per chi vuole acquistare casa e per chi è già titolare di un mutuo.

INFORMAZIONE DETTAGLIATA IN PILLOLE – “Valutare attentamente – afferma l’associazione bancaria – tutte le condizioni per ricevere il finanziamento e confrontare le diverse opportunità per scegliere quella più in linea con le proprie esigenze sono delle fasi fondamentali”. L’iniziativa “si sviluppa attraverso la pubblicazione periodica, a partire da oggi, di pillole video: brevi contributi con informazioni semplici e dirette per rafforzare la consapevolezza dei cittadini in tema di mutui”.

SEMPLICE ED ACCESSIBILE – Un’azione di sensibilizzazione che l’Abi “promuove per ricordare le fasi riguardanti la stipula del contratto di mutuo, da quelle antecedenti fino a quelle successive, seguendo idealmente le possibili esigenze conoscitive dei mutuatari o di chi è interessato ad accedere a questo tipo di finanziamento”. Con un linguaggio “semplice ed accessibile sono affrontati i principali quesiti e aspetti che occorre considerare prima di chiedere il mutuo e sul processo da seguire per ottenere il prestito, affinchè le persone possano acquisire una maggior dimestichezza con alcuni specifici momenti tecnici che caratterizzano questa fase”.

Mutui, il cambio di passo delle banche