Multa Antitrust UE, Google si prepara all’appello

(Teleborsa) – Google affila le armi in vista dell’ormai prossimo ricorso in appello contro la multa di 2,4 miliardi di euro inflitta dall’antitrust europeo per abuso di posizione dominante nel servizio Shopping: se ne discuterà in Lussemburgo nel corso di un’udienza che si articolerà in tre giornate, dal 12 al 14 febbraio, presso la Procura generale dell’Unione europea.

Davanti ai giudici, da una parte i rappresentanti legali di Google e della lobby dell’hitech DigitalEurope; dall’altro, la Commissione europea e un gruppo di aziende che ha sostenuto la causa contro Big G.

PRIMO “ROUND” DELLA TRILOGIA – Un lungo braccio di ferro che dura da tempo. L’azienda di Mountain View, infatti, ha aperti anche altri ricorsi contro le multe inflitte dall’antitrust europeo: 1,49 miliardi di euro per abuso di posizione dominante con la piattaforma AdSense nel settore della pubblicità per motori di ricerca e 4,34 miliardi per abusi con il sistema operativo Android.

Ma non finisce qui. Lo scorso agosto gli uffici della Vestager – nel doppio ruolo di capo dell’antitrust e delle politiche sul digitale pronta a inasprire le azioni a tutela della concorrenza con un nuovo giro di vite sulle Big tech – hanno aperto un nuovo dossier che dovrà valutare se il motore di ricerca americano, con Google Jobs, favorisca in modo sleale i propri annunci, svantaggiando quelli delle piattaforme concorrenti del recruiting online.

(Foto: © Ken Wolter/123RF)

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Multa Antitrust UE, Google si prepara all’appello