MPS, Procura di Siena indaga Viola e Profumo. La banca:”Atto dovuto”

(Teleborsa) – L’amministratore delegato di Monte dei Paschi di Siena Fabrizio Viola, e l’ex presidente della banca, Alessandro Profumo, sarebbero stati indagati dalla Procura di Siena per le ipotesi di reato di di falso in bilancio e manipolazione del mercato. A darne notizia rumors di stampa che citano fonti vicina ai fatti.

I fatti contestati sarebbero antecedenti al 2015, in particolare i magistrati suppongono che i bilanci della banca dal 2011 al 2014 sarebbero stati falsati dalla contabilizzazione non corretta dell’operazione Alexandria  che all’epoca dei fatti sollevò un polverone sulla banca senese.

La banca da parte sua si difende dicendo che si tratta di un “atto dovuto”, visto l’indagine è stata avviata in seguito ad “un esposto di alcuni azionisti della banca che durante l’assemblea di aprile scorso avevano proposto l’azione di responsabilità” nei confronti di Viola e Profumo. Dopo la notizia il titolo di MPS, a Piazza Affari ha raggiunto nuovi minimi storici a 0,2279 euro per poi chiudere in calo del 2% a 0,235 euro

 

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MPS, Procura di Siena indaga Viola e Profumo. La banca:”Atto dov...