Moto, immatricolazioni: giugno col segno meno

Ma "La voglia di moto non arretra, nel primo semestre +4,3%"

(Teleborsa) Frena nel mese di giugno il mercato delle due ruote a motore. Il mese scorso, afferma Confindustria Ancma, le immatricolazioni per i veicoli con cilindrata superiore a 50cc sono state 27.496, facendo registrare -5,8% rispetto a giugno del 2017.

I NUMERI NEL DETTAGLIO – Questo risultato “è frutto di una stabilità delle moto, che confermano i volumi dell’anno scorso con 10.733 unità (-0,8%), mentre gli scooter, con volumi più importanti, segnano 16.763 veicoli immatricolati (-8,8%). I ‘cinquantini’ perdono ancora volumi, con 2.405 vendite e un -22,6%”.

“MA LA VOGLIA DI MOTO NON ARRETRA” -Nel primo semestre, fa sapere ancora l’Ancma, sono stati immatricolati 130.297 veicoli, con un aumento del 4,3% nel confronto con lo stesso periodo dell’anno scorso. Nel complesso da gennaio a giugno sono state vendute 140.124 due ruote a motore, con una crescita del 2,4% rispetto al primo semestre del 2017.

PROSPETTIVE DI CRESCITA SOTTO IL SEGNO DI SICUREZZA E MOBILITA’ SOSTENIBILE“La voglia di moto non arretra – sottolinea il presidente Andrea Dell’orto – e il nostro mercato fornisce un contributo positivo, mantenendo una domanda relativamente sostenuta. Alla nostra assemblea, sottolinea ancora,  abbiamo presentato una serie di proposte che vanno dalla riforma del Codice della strada al miglioramento della sicurezza stradale anche attraverso infrastrutture dedicate, fino all’attenzione in merito alla nuova mobilità elettrica che necessita di colonnine di ricarica e incentivi mirati. Abbiamo la necessità di confrontarci con gli organi di governo per supportare le decisioni che vanno nella direzione di una mobilità sostenibile, dove le due ruote devono giocare un ruolo insostituibile”.  

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Moto, immatricolazioni: giugno col segno meno