Morgan Stanley, la volatilità dei mercati pesa sui conti

L’incertezza sul timing del prossimo rialzo dei tassi da parte della Fed ed il rallentamento della Cina stanno confondendo gli investitori, condizionando di conseguenza l’attività di Morgan Stanley.

La banca d’affari americana ha archiviato il terzo trimestre con un calo dei profitti e del fatturato, a causa della debolezza del settore trading (-17%).
L’utile è stato pari a 939 miliardi di dollari, 48 centesimi per azione, contro gli 1,63 miliardi, 83 centesimi per azione, dello stesso periodo dello scorso anno scorso (-42%). Escludendo le voci straordinarie, l’utile si è portato a 34 da 64 centesimi per azione, risultando nettamente sotto le attese degli analisti che erano per 62 centesimi per azione.
Il fatturato è diminuito del 12% a 7,8 miliardi di dollari, contro gli 8,54 miliardi del consensus.

Negativo l’andamento del titolo nel pre-mercato: -4% circa.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Morgan Stanley, la volatilità dei mercati pesa sui conti