Moody’s taglia stime PIL globali, per Italia “probabile recessione”

(Teleborsa) – Tagli alle previsioni di crescita da parte di Moody’s, in scia delle ricadute del Coronavirus su cui il bilancio si aggrava, purtroppo, di giorno in giorno. E, come prevedibile, tagli anche sull’Italia per cui adesso l’agenzia parla di “probabile recessione” dato che “quasi certamente” il PIL ha imboccato una sequenza di ribassi trimestrali tra fine 2019 e inizio 2020.

Moody’s ha di fatto tagliato di un intero punto percentuale le sue previsioni sulla Penisola: dal più 0,5% ora ad un meno 0,5% del PIL sul 2020, cui dovrebbe seguire una ripresa dell’1,2% nel 2021.

Giù anche le stime sull’area euro. Pesante il taglio sulla Cina, dove secondo l’agenzia di rating americana la crescita 2020 non supererà nemmeno il 5% con un 4,8% stimato.

Nei giorni scorsi, Standard & Poor’s ha stimato che l’impatto dell’epidemia di Coronavirus porterà ad una riduzione della crescita globale di 0,5 punti (dal +3,3% previsto). Le previsioni in un report pubblicato nelle scorse ore in cui ha tagliato le stime di crescita della Cina da +5,7% a +4,8% nel 2020.

L’agenzia ha anche ridotto a metà le sue previsioni sulla crescita dell’area euro (da +1,0% a +0,5%) “con l’Italia – sottolineava il report – che subirà un impatto negativo superiore alla media” di circa -0,7 punti percentuali.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Moody’s taglia stime PIL globali, per Italia “probabile re...