Moody’s, riforme perdono slancio in Europa e gettano ombre su futuro

(Teleborsa) – Moody’s avverte che “le riforme strutturali nell’Unione europea stanno perdendo slancio” e “minano le prospettive di crescita a lungo termine di molti paesi dell’UE in una fase caratterizzata da debiti pubblici elevati e pressioni derivanti dall’invecchiamento della popolazione“.

E’ quanto emerge da una analisi dell’agenzia di rating statunitense, che evidenzia come l’indeboilimento della crescita nel medio-termine rappresenti “un importante vincolo” creditizio per i Paesi europei. Infatti, in moltissimi casi, una crescita lenta ostacolerà gli sforzi dei governi europei di ridurre gli oneri sul debito. In aggiunta, le pressioni demografiche implicano che perfino previsioni di crescita relativamente modeste verranno a dipendere fortemente dai miglioramenti della produttività.

“L’Europa deve affrontare un’importante sfida per le riforme strutturali”, ha affermato Sarah Carlson, Senior Vice President di Moody’s e coautore del rapporto. “Non è affatto certo che i previsti miglioramenti della produttività si concretizzeranno effettivamente”. “Di fronte a livelli spesso elevati di indebitamento pubblico e invecchiamento della popolazione – avverte – il futuro rating dei Paesi europei rifletterà in parte le scelte dei governi sulle riforme nel breve termine”.

Moody’s conclude che mentre i paesi nordici ed il Regno Unito non hanno esigenze di riforma del mercato del lavoro viste le riforme attuate decenni fa, i divari in Spagna, Francia, Italia e Portogallo sono molto più grandi nonostante le azioni intraprese durante la crisi dell’area dell’euro crisi del debito sovrano. Le esigenze di riforma dell’Italia sono particolarmente pronunciate.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Moody’s, riforme perdono slancio in Europa e gettano ombre su fu...