Mobile Benchmark Italy 2020, a Vodafone il primato del 5G in Italia

(Teleborsa) – Vodafone offre la migliore esperienza 5G in Italia con prestazioni cinque volte più veloci del 4G a Milano, Torino, Bologna, Roma e Napoli. Ad attestarlo è il Mobile Benchmark Italy 2020 della società tedesca Umlaut.

In base ai test effettuati da Umlaut a Milano, Roma, Torino, Napoli e Bologna, le città in cui Vodafone ha lanciato prima in Italia il 5G su rete commerciale, la rete di ultima generazione di Vodafone mostra un sostanziale cambio di passo rispetto al 4G sia per la velocità media sia per quella di picco. Nel dettaglio – rileva Umlaut – i clienti con un device 5G sperimentano velocità di download cinque volte superiori rispetto alla tecnologia precedente grazie alla qualità e all’ampiezza delle frequenze acquisite da Vodafone. Gli 80 MHz di banda, acquisiti da Vodafone sulla frequenza 3700 MHz, garantiscono alla GigaNetwork 5G di abilitare servizi di nuova generazione e performance superiori in termini di velocità, navigazione e capacità per gestire i crescenti volumi di traffico. Un risultato che al centro della nuova campagna di comunicazione di Vodafone “Vera qualità. Vero 5G”.

I risultati Umlaut a livello nazionale riconoscono a Vodafone anche la leadership nei parametri di riferimento per il servizio voce, principalmente grazie a un utilizzo stabile della tecnologia VoLTE e ai tempi minimi di inoltro delle chiamate.

A giugno 2019 Vodafone ha lanciato il 5G su rete commerciale, prima in Italia, a Milano e 28 comuni dell’area metropolitana, a Roma, Torino, Bologna e Napoli. A Milano, capitale del 5G in Europa, Vodafone ha recentemente annunciato di aver superato il 90% di copertura 5G della popolazione e di aver realizzato tutti i 41 progetti previsti dalla sperimentazione 5G, promossa dal Ministero dello Sviluppo economico in collaborazione con 38 partner, di cui è capofila.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Mobile Benchmark Italy 2020, a Vodafone il primato del 5G in Italia