Minibond, Tria li boccia ma Di Maio e Salvini non ci stanno: “Trovi la soluzione”

Tria affonda i mini-Bot, Lega e M5S chiedono soluzioni alternative. L'opposizione preannuncia una raffica di nuove tasse e di tagli ai servizi.

(Teleborsa) – Di Maio e Salvini, scoppia il caso minibond e tra i due è “amore ritrovato”: se al Ministro dell’Economia Tria non piacciono, trovi un’altra soluzione. Ovvero, “se lo strumento per pagare le imprese non è il minibot – scrive Di Maio in un post – il Mef ne trovi un altro. Ma lo trovi, perché il punto sono le soluzioni, non le polemiche, né le presunte ragioni dei singoli. Ripeto, una parola: soluzioni!”.

I due vicepriemier, dunque, all’attacco di Tria che da Fukuoka in Giappone, dove si trova per il G20, poco prima aveva letteralmente stroncato l’ipotesi minibond senza se e senza ma che boccia sul nascere l’idea sponsorizzata dalla Lega e sostenuta dalla maggioranza del Parlamento con una mozione non vincolante – sulla quale il Pd ha poi preso le distanze – che ha chiesto di prendere in considerazione l’emissione dei cosiddetti mini-Bot (Bot di piccolo taglio e senza scadenza). Ossia titoli di Stato di piccolo taglio, una sorta di “moneta parallela”. Una proposta di Gian Carlo Giorgetti, sottosegretario leghista alla presidenza del Consiglio, come soluzione per pagare i debiti della Pubblica amministrazione.

E Salvini non esita a dar manforte a Di Maio: “Sullo strumento si può discutere, è una proposta, ma sul fatto che sia urgente pagare le decine di miliardi di euro di arretrati e di debiti che la pubblica amministrazione ha nei confronti di imprese e famiglie (debiti risalenti a governi e anni precedenti) deve essere chiaro a tutti, in primis al Ministro dell’Economia. È una questione di giustizia”. E aggiunge: “Non saranno monete alternative all’euro, quelle le usiamo al Monopoli”.

In ogni caso i minibot sono stati bocciati dalla Banca centrale europea, che non accetta la creazione di una “moneta parallela”, per non dire illegale, come a voler indicare l’uscita dall’euro dell’Italia. Soluzione “scartata” al Ministro dell’Economia in quanto, come sostengono quasi unanimemente “tutti gli esperti”, provocherebbe un ulteriore aumento del debito. “Già dato parere negativo”, ha poi ribadito il titolare del Mef dal Giappone.

Dall’opposizione, immediata la replica con un Tweet del Segretario del partito democratico Zingaretti: “Caro Salvini è giusto che il Governo paghi i debiti della Pubblica Amministrazione. Ma con i soldi, non con le patacche come i minibond”. Parere negativo, sempre tramite Twitter, anche da Forza Italia: “Altro che bot o mini-bot – scrive Licia Ronzulli, vicepresidente dei senatori di Forza Italia – solo una maxi botta di fortuna può salvare l’Italia da una raffica di nuove tasse e di tagli ai servizi. Dopo 12 mesi di errori in politica economia, M5S e Lega non cambiano registro: ancora liti e solo immobilismo e decrescita”.

Minibond, Tria li boccia ma Di Maio e Salvini non ci stanno: “Tr...