Milleproroghe, la Camera ricorre alla fiducia per il blocco aggiornamento GaE

(Teleborsa) – La Camera ricorre alla fiducia per approvare la norma relativa al blocco dell’aggiornamento delle Graduatorie ad esaurimento (GaE) dei docenti. Secondo un emendamento del Pd al decreto Milleproroghe, l’aggiornamento passa all’anno scolastico 2018/2019 e non più al 2017/18, come previsto dalle norme che regolano le graduatorie della scuola pubblica italiana.

Nella relazione tecnica di Montecitorio, si spiega che la decisione è “finalizzata a facilitare la pianificazione dei posti da bandire nel concorso previsto dalla L. 107/2015”.

Il giovane sindacato della scuola Anief reputa quest decisione un grave errore, perché gli elenchi da cui devono essere reclutati gli insegnanti per il 50% dei posti vacanti, nei prossimi anni, devono essere aggiornati e riaperti a tutto il personale abilitato. 

Secondo il presidente nazionale Anief, Marcello Pacifico, “se il 75% delle supplenze al 30 giugno, nel 2015/2016, è stato assegnato ai precari della II e III fascia delle graduatorie d’istituto, c’è un motivo: la chiusura delle GaE e il loro aggiornamento triennale. La scelta, quindi, di una proroga è insensata. L’unica motivazione legata ai posti da mettere a concorso resta soltanto una scusa, peraltro incomprensibile. Anche perché, al momento, per i docenti della scuola dell’infanzia vi sono scarsissime possibilità di stabilizzazione”.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Milleproroghe, la Camera ricorre alla fiducia per il blocco aggiorname...