Milleproroghe è legge, al Senato fiducia con con 222 sì

(Teleborsa) – Dopo il via libera al testo da parte della Camera, approvato nel pomeriggio in via definitiva al Senato con 222 sì, 23 contrari, 7 astenuti, il disegno di legge di conversione del decreto Milleproroghe è legge. A causa dei tempi molto stretti, in vista della scadenza del provvedimento prevista per il primo marzo, il governo Draghi esordisce, così, a palazzo Madama con la prima fiducia posta su un decreto.

Nel testo, tra le misure principali, figurano la proroga del mercato tutelato dell’energia per i consumatori fino al 2022; il blocco degli sfratti, esteso fino al 30 giugno 2021; e, sul fronte del lavoro, la proroga, al 31 marzo 2021 dei termini di decadenza per l’invio delle domande di accesso ai trattamenti di integrazione salariale collegati all’emergenza epidemiologica, la cig, nonché dei termini di trasmissione dei dati necessari per il pagamento del saldo degli stessi scaduti entro il 31 dicembre 2020. Vengono, inoltre, prorogati fino al termine dell’emergenza sanitaria contratti dei lavoratori precari coinvolti da Comune, Regione e Camera di Commercio dopo il crollo del Ponte Morandi.

Nessuna proroga, invece, per l’invio delle cartelle esattoriali, che vede, tuttavia, l’impegno del governo, grazie all’approvazione di un ordine del giorno, a valutare con il primo provvedimento normativo utile un ulteriore differimento dei termini degli atti di accertamento, contestazione, irrogazione delle sanzioni, recupero dei crediti di imposta, liquidazione e rettifica, e un ulteriore proroga del termine, attualmente fissato al 1 marzo 2021.

Novità per quanto riguarda gli incentivi con il bonus vacanze che si potrà utilizzare fino a fine 2021, e la proroga al 30 giugno 2021 del termine per l’utilizzo del buono taxi e Ncc – previsto per le persone a mobilità ridotta, con patologie accertate o in stato di bisogno, residenti nelle città metropolitane o nei capoluoghi di provincia – pari al 50% della spesa fino a un massimo di 20 euro per ciascun viaggio.

Per le zone terremotate viene fissato il termine del 30 settembre 2021 per la presentazione della domanda di contributo per la ricostruzione privata nei territori colpiti dal sisma del 2009 in Abruzzo. Per gli accertamenti necessari per verificare il maggior danno provocato dal sisma avvenuto in Centro-Italia nel 2016-2017 e per gli interventi previsti nei comuni del cratere diversi dall’Aquila, il termine per la presentazione della domanda di contributo è il 30 settembre 2022.

Proroghe anche in materia di assunzioni, dalla pubblica amministrazione ai ministeri fino al comparto sicurezza-difesa e al Corpo nazionale dei vigili del fuoco.

Rinviata di altri due anni l’entrata in vigore dei tagli all’editoria previsti con la manovra per il 2019, a cui si aggiunge lo stanziamento di 2 milioni per il 2021 per Radio Radicale.

Buone notizie, infine, per gli studenti universitari con la proroga dell’anno accademico 2019-2020 fino al 15 giugno, così da dare tempo ai laureandi di laurearsi in corso.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Milleproroghe è legge, al Senato fiducia con con 222 sì