Milano tiene la posizione, recuperando le perdite iniziali

(Teleborsa) – Seduta invariata per Piazza Affari, mentre si muovono sotto la parità le principali Borse europee, sulle preoccupazioni per un rallentamento dell’economia e di un aumento dell’inflazione. L’agenda macro di oggi ha pochi spunti significativi. Sul fronte europeo, l’indice Sentix ha evidenziato che il sentiment degli investitori della zona euro è calato a ottobre per il terzo mese consecutivo, toccando i minimi da aprile.

Leggera crescita dell’Euro / Dollaro USA, che sale a quota 1,163. Prevale la cautela sull’oro, che continua la seduta con un leggero calo dello 0,63%. Nessuna variazione significativa per il mercato petrolifero, con il petrolio (Light Sweet Crude Oil) che si attesta sui valori della vigilia a 75,98 dollari per barile.

Aumenta di poco lo spread, che si porta a +105 punti base, con un lieve rialzo di 2 punti base, con il rendimento del BTP a 10 anni pari allo 0,84%.

Tra le principali Borse europee senza spunti Francoforte, che non evidenzia significative variazioni sui prezzi, ferma Londra, che segna un quasi nulla di fatto, e trascurata Parigi, che resta incollata sui livelli della vigilia.

A Milano, il FTSE MIB è sostanzialmente stabile e si posiziona su 25.628 punti; sulla stessa linea, rimane ai nastri di partenza il FTSE Italia All-Share (Piazza Affari), che si posiziona a 28.151 punti, in prossimità dei livelli precedenti.

Senza direzione il FTSE Italia Mid Cap (-0,02%); sulla stessa tendenza, pressoché invariato il FTSE Italia Star (+0,03%).

In cima alla classifica dei titoli più importanti di Milano, troviamo Amplifon (+1,50%), Banca Mediolanum (+1,41%), Moncler (+1,37%) e CNH Industrial (+1,33%).

Le peggiori performance, invece, si registrano su STMicroelectronics, che ottiene -1,27%.

Sotto pressione Exor, che accusa un calo dell’1,26%.

Scivola Prysmian, con un netto svantaggio dell’1,19%.

Sostanzialmente debole Pirelli, che registra una flessione dello 0,67%.

Al Top tra le azioni italiane a media capitalizzazione, Tinexta (+2,08%), GVS (+1,53%), Rai Way (+1,34%) e Esprinet (+1,23%).

I più forti ribassi, invece, si verificano su Saras, che continua la seduta con -2,72%.

Seduta drammatica per Salcef Group, che crolla del 2,40%.

In rosso Bff Bank, che evidenzia un deciso ribasso dell’1,87%.

Spicca la prestazione negativa di Alerion Clean Power, che scende dell’1,70%.

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Milano tiene la posizione, recuperando le perdite iniziali