Milano tiene la posizione. In rosso il resto d’Europa

(Teleborsa) – Partenza sui livelli della vigilia per Piazza Affari, mentre si muovono in calo le principali Borse europee dopo il finale piatto di Tokyo e quello al ribasso di Wall Street.

L’Euro / Dollaro USA è sostanzialmente stabile su 1,169. Lieve aumento dell’oro, che sale a 1.207 dollari l’oncia. Seduta sulla parità per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che si attesta a 70,24 dollari per barile.

Sulla parità lo spread, che rimane a quota 283 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona al 3,18%.  E’ atteso per oggi, 31 agosto 2018, il giudizio di Fitch sull’Italia.

Tra le principali Borse europee giornata fiacca per Francoforte, che segna un calo dello 0,60%, piccola perdita per Londra, che scambia con un -0,33%, tentenna Parigi, che cede lo 0,35%.

Sostanzialmente stabile Piazza Affari, che continua la sessione sui livelli della vigilia, con il FTSE MIB che scambia a 20.473 punti.

Apprezzabile rialzo a Milano per i comparti materie prime (+1,12%), viaggi e intrattenimento (+1,08%) e immobiliare (+0,59%). Tra i peggiori della lista telecomunicazioni (-2,08%), automotive (-0,90%) e costruzioni (-0,75%).

Tra i best performers di Milano, in evidenza Tenaris (+1,09%), BPER (+0,78%) e Intesa Sanpaolo (+0,56%). Le più forti vendite, invece, si manifestano su Pirelli -3,68%. Crolla Telecom Italia, con una flessione del 2,43%. Seduta negativa per Buzzi Unicem, che mostra una perdita dell’1,50%. Sotto pressione Brembo, che accusa un calo dell’1,27%.

In cima alla classifica dei titoli a media capitalizzazione di Milano, Juventus (+5,00%), Geox (+1,07%), Ansaldo (+0,94%) e Beni Stabili (+0,93%). I più forti ribassi, invece, si verificano su RCS -1,30%. Scivola Tod’s, con un netto svantaggio dell’1,06%. In rosso Fincantieri, che evidenzia un deciso ribasso dell’1,00%. Sostanzialmente debole CIR, che registra una flessione dello 0,91%.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Milano tiene la posizione. In rosso il resto d’Europa