Milano positiva insieme ai Listini europei

(Teleborsa) – Finale cautamente positivo per le principali borse europee con l’attenzione degli investitori catalizzata sulla questione Brexit, dopo il voto al Parlamento britannico che ha bocciato il piano del primo ministro Theresa May. Sullo sfondo restano i timori per il rallentamento dell’economia in un contesto europeo debole.

Sul mercato Forex, poco mosso l’Euro / Dollaro USA, che scambia sui valori della vigilia a 1,131. Lieve aumento per l’oro, che mostra un rialzo dello 0,53%. Giornata di forti guadagni per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), in rialzo dell’1,64%.

Sulla parità lo spread, che rimane a quota +250 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona al 2,57%.

Tra gli indici di Eurolandia piccolo passo in avanti per Francoforte, che mostra un progresso dello 0,42%. Sostanzialmente invariata Londra, +0,11%. Denaro si Parigi, +0,69%. Il listino milanese mostra un timido guadagno in chiusura, con il FTSE MIB che ha messo a segno un +0,57%.

Al termine della seduta della Borsa di Milano, risulta che il controvalore degli scambi nella seduta odierna è stato pari a 1,84 miliardi di euro, in rialzo del 9,51% rispetto ai precedenti 1,68 miliardi; mentre i contratti si sono attestati a 212.398, rispetto ai precedenti 197.050, mentre i volumi scambiati sono passati da 0,6 miliardi di azioni della seduta precedente agli odierni 0,77 miliardi.

Tra i 216 titoli trattati, 110 hanno chiuso in ribasso, mentre 90 azioni hanno chiuso la sessione odierna in progresso. Stabili i restanti 16 titoli.

Risultato positivo a Piazza Affari per i settori viaggi e intrattenimento (+4,87%), materie prime (+2,94%) e petrolio (+1,94%). Nel listino, le peggiori performance sono state quelle dei settori tecnologia (-0,92%), media (-0,49%) e automotive (-0,47%).

Tra le migliori azioni italiane a grande capitalizzazione, su di giri Juventus (+17,42%) balza dopo la vittoria in Champions contro l’Atletico Madrid.

Acquisti a piene mani su Ferragamo, che vanta un incremento del 6,94% dopo i dati di bilancio e le indicazioni degli analisti.

Effervescente Azimut, con un progresso del 3,31%.

Incandescente Tenaris, che vanta un incisivo incremento del 2,97%.

Le più forti vendite, invece, si sono abbattute su Prysmian, che ha terminato le contrattazioni a -3,42%.

In rosso Diasorin, che evidenzia un deciso ribasso dell’1,31%.

Fiacca Leonardo, che mostra un piccolo decremento dello 0,99%.

Al Top tra le azioni italiane a media capitalizzazione, Tod’s (+3,43%), IGD (+2,43%), Banca Ifis (+2,04%) e De’ Longhi (+1,58%). I più forti ribassi, invece, si sono verificati su Cembre, che ha archiviato la seduta a -2,64%.

Milano positiva insieme ai Listini europei