Milano positiva assieme ai Mercati del Vecchio Continente

(Teleborsa) – Acquisti diffusi sui listini azionari europei, con il FTSE MIB che mette a segno la stessa performance positiva del Vecchio Continente.

Sul mercato valutario, stabile l’Euro / Dollaro USA, che continua la sessione sui livelli della vigilia e si ferma a 1,208. L’Oro continua la seduta sui livelli della vigilia, riportando una variazione pari a +0,05%. Seduta in frazionale ribasso per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che lascia, per ora, sul parterre lo 0,45%.

Aumenta di poco lo spread, che si porta a +105 punti base, con un lieve rialzo di 2 punti base, con il rendimento del BTP a 10 anni pari allo 0,79%.

Tra i listini europei poco mosso Francoforte, che mostra un +0,11%, seduta senza slancio per Londra, che riflette un moderato aumento dello 0,35%, e piccolo passo in avanti per Parigi, che mostra un progresso dello 0,28%. Seduta in lieve rialzo per Piazza Affari, con il FTSE MIB, che avanza a 24.514 punti; sulla stessa linea, il FTSE Italia All-Share fa un piccolo salto in avanti dello 0,58%, portandosi a 26.839 punti.

In cima alla classifica dei titoli più importanti di Milano, troviamo Tenaris (+3,45%), BPER (+3,08%), Mediobanca (+2,85%) e Intesa Sanpaolo (+2,32%).

I più forti ribassi, invece, si verificano su Prysmian, che continua la seduta con -3,17%.

In caduta libera Leonardo, che affonda del 2,13%.

Seduta negativa per Enel, che mostra una perdita dell’1,09%.

Pensosa Campari, con un calo frazionale dello 0,68%.

Al Top tra le azioni italiane a media capitalizzazione, Technogym (+8,24%), Alerion Clean Power (+4,98%), doValue (+4,10%) e Maire Tecnimont (+3,86%).

Le peggiori performance, invece, si registrano su Rai Way, che ottiene -1,49%.

Sotto pressione Juventus, che accusa un calo dell’1,29%.

Scivola Danieli, con un netto svantaggio dell’1,18%.

In rosso B.F, che evidenzia un deciso ribasso dell’1,06%.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Milano positiva assieme ai Mercati del Vecchio Continente