Milano in testa alle perdite del Vecchio Continente

(Teleborsa) – Giornata negativa per Piazza Affari e per le altre borse europee, appesantite dalle continue minacce commerciali di Trump alla Cina e all’Europa, che stanno intimorendo soprattutto il settore auto e tech.

Nessuna variazione significativa per l’Euro / Dollaro USA, che scambia sui valori della vigilia a 1,164. Prevale la cautela sull’oro, che continua la seduta con un leggero calo dello 0,23%. Seduta sulla parità per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che si attesta a 68,69 dollari per barile dopo l’accordo OPEC di venerdì scorso sull’aumento della produzione.

Lo Spread peggiora, toccando i 248 punti base, con un aumento di 12 punti base rispetto al valore precedente, con il rendimento del BTP decennale pari al 2,80%.

Tra i mercati del Vecchio Continente sotto pressione Francoforte, con un forte ribasso dell’1,50%, soffre Londra, che evidenzia una perdita dell’1,24%, preda dei venditori Parigi, con un decremento dello 0,91%.

A Milano, forte calo del FTSE MIB (-1,52%), che ha toccato 21.556 punti.

Scivolano sul listino milanese tutti i settori. Sensibili ribassi si manifestano nei comparti tecnologia (-3,13%), beni industriali (-2,08%) e bancario (-1,89%).

Tutte le Blue Chip mostrano una performance negativa. Le più forti vendite si manifestano su Prysmian -7,97% dopo il taglio delle stime. Pesante Unipol, che segna una discesa di ben -3,89 punti percentuali. Seduta drammatica per STMicroelectronics, che crolla del 3,50%. Sensibili perdite per Mediobanca, in calo del 3,20%.

Al Top tra le azioni italiane a media capitalizzazione, Piaggio (+7,98%), Italmobiliare (+2,66%), doBank (+2,42%) e CIR (+1,35%). I più forti ribassi, invece, si verificano su Cerved Group -4,11% dopo l’ok del CdA al piano industriale triennale. In apnea Cattolica Assicurazioni, che arretra del 3,54%. Tonfo di OVS, che mostra una caduta del 3,30%. Lettera su ERG, che registra un importante calo del 3,26%.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Milano in testa alle perdite del Vecchio Continente