Milano in rosso insieme all’Europa

(Teleborsa) – Si conclude una giornata negativa per le principali Borse europee che sono rimaste in ostaggio dei timori di una guerra commerciale, dopo che il Presidente americano Trump ha dato il via libera a nuovi dazi sui prodotti cinesi, salvando per ora l’Unione Europea ma scatenando le ire di Pechino che minaccia contromisure.

Sul valutario, l’Euro / Dollaro USA è sostanzialmente stabile e si ferma su 1,236. L’Oro, in aumento (+0,77%), raggiunge 1.348,6 dollari l’oncia. Pioggia di acquisti sul petrolio (Light Sweet Crude Oil), che porta a casa un guadagno dell’1,73%. Ad alimentare gli acquisti sull’oro nero la possibilità che l’OPEC estenda i tagli alla produzione e i timori per un’escalation di tensioni tra Stati Uniti e Iran.

Tra i mercati del Vecchio Continente affonda Francoforte, con un ribasso dell’1,77%, giornata fiacca per Londra che segna un calo dello 0,44%. Sotto pressione Parigi, con un forte ribasso dell’1,39%.

A Milano, si è mosso sotto la parità il FTSE MIB che scende dello 0,49%. Sulla stessa linea, si è mosso al ribasso il FTSE Italia All-Share, che ha perso lo 0,22%.

In cima alla classifica dei titoli più importanti di Milano, troviamo Leonardo (+2,04%), A2A (+1,86%), Terna (+1,60%) e UBI Banca (+1,58%).

Le più forti vendite, invece, si sono abbattute su STMicroelectronics, che ha terminato le contrattazioni a -4,08%. A dare una spinta al ribasso Micron Technology  che ha influenzato negativamente il comparto dei semiconduttori sia a Wall Street e in Europa.

Crolla Tenaris, con una flessione del 4,05%.

Vendite a piene mani su Brembo che soffre un decremento del 2,30%.

Giornata no per Fiat Chrysler, che registra un ribasso del 2,03%.

In cima alla classifica dei titoli a media capitalizzazione di Milano, Fincantieri (+5,43%), Salini Impregilo (+4,89%), grazie a un nuovo contratto in USA. In salita ERG (+2,87%) e Acea (+2,10%).

Le peggiori performance, invece, si sono registrate su Datalogic, che ha chiuso a -8,46%.

Sessione no per Banca Ifis, che lascia sul tappeto una perdita del 3,52%.

In caduta libera Anima Holding che affonda del 3,27%.

 

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Milano in rosso insieme all’Europa