Migranti, Mediterranea: la Guardia di Finanza sale a bordo

(Teleborsa) – Resta ferma davanti alle coste di Lampedusa la nave Mare Ionio, battente bandiera italiana, del progetto Mediterranea, che ieri (18 marzo 2019) ha soccorso 49 migranti davanti alle coste libiche, tra cui 12 bambini.

“La Mare Jonio ha incrociato un gommone in avaria che stava affondando con una cinquantina di persone – ha scritto la ONG Mediterranea saving humans -. Li stiamo già soccorrendo”.

Mediterranea, dopo aver ricevuto dalla Guardia di Finanza (GdF) il divieto d’ingresso in acque territoriali, aveva chiesto alle autorità italiane un “porto sicuro” a causa del “mare forza 7”, per poi dirigersi verso Lampedusa.

Stamattina, 19 marzo 2019, la GdF è salita a bordo dell’imbarcazione per aver violato le norme impartite dal Viminale mentre il sindaco di Lampedusa, Salvatore Martello, si è detto disposto ad accogliere i migranti: “i porti non sono chiusi, sono i benvenuti”.

(Foto: © ONG Mediterranea)

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Migranti, Mediterranea: la Guardia di Finanza sale a bordo