Mette il turbo Xilinx grazie agli utili sopra attese

Seduta decisamente positiva per il produttore di chip americano, che tratta in rialzo del 2,31%, grazie ai risultati trimestrali oltre attese. Nel secondo trimestre, gli utili si sono attestati a 127 milioni di dollari pari a 48 cent per azione, in calo dai 171,5 milioni (62 cent per azione) di un anno prima. L’EPS tuttavia ha battuto le stime degli analisti che erano per valore di 17 cent. Il fatturato è sceso del 31% a 527,6 milioni, ma Xilinx per il terzo trimestre si attende una crescita di tra il 3 e il 7% ovvero nel range 543-564 milioni.

A livello comparativo su base settimanale, il trend di Xilinx evidenzia un andamento più marcato rispetto alla trendline del Nasdaq 100. Ciò dimostra la maggiore propensione all’acquisto da parte degli investitori verso il gruppo attivo nei semiconduttori rispetto all’indice.

L’esame di breve periodo di Xilinx classifica un rafforzamento della fase rialzista con immediata resistenza vista a 48,41 dollari USA e primo supporto individuato a 46,88. Tecnicamente ci si attende un ulteriore spunto rialzista della curva verso nuovi top stimati in area 49,94.

Le indicazioni sono da considerarsi meri strumenti di informazione, e non intendono in alcun modo costituire consulenza finanziaria, sollecitazione al pubblico risparmio o promuovere alcuna forma di investimento.
(A cura dell’Ufficio Studi Teleborsa)

Mette il turbo Xilinx grazie agli utili sopra attese