Mercato auto ancora in fase di boom in UE. Fiat Chrysler in pole

(Teleborsa) – Il settore dell’auto europeo apre anche il 2016 con un boom di immatricolazioni, proseguendo la crescita in atto da ben 29 mesi consecutivi. Il 2015 si era chiuso con un aumento a due cifre. 

Nel mese di gennaio, fa sapere l’Associazione europea dei produttori di auto (ACEA), le immatricolazioni nella UE (EU 28) hanno segnato un balzo del 6,2% a 1.061.150 unità e quelle che includono anche l’EFTA, l’Associazione europea del libero scambio (Svizzera, Islanda e Norvegia) hanno segnato un incremento del 6,3%. Nell’ambito della sola Eurozona (EU 15) le vendite sono salite del 5,9% a 979.915 unità.

Tra i cinque principali mercati, si segnala il trend ampiamente positivo dell’Italia, che ha fatto meglio degli altri Paesi europei, con un aumento del 17,4%. Bene anche Spagna (+12,1%), Regno Unito (+2,9%), Francia (+3,9%) e Germania (+3,3%) che regiustrano tassi di crescita più contenuti.

Per quanto concerne i singoli marchi, Fiat Chrysler Automobiles (FCA), ha riportato nel complesso dell’Unione europea un incremento delle vendite del 14,4%, mentre la quota di mercato è salita al 6,8% dal 6,3% precedente.

Tiene il Gruppo Volkswagen, che segna un aumento delle immatricolazioni dello 0,8%, anche se con una quota in mercato in costante calo al 24,2%, a conferma del danno di immagine causato dallo scandalo del Dieselgate.

Fra i marchi più popolari in Europa la Peugeot (+3,9%) e la tedesca Daimler (+8,5%).

Mercato auto ancora in fase di boom in UE. Fiat Chrysler in pole