Mercati zavorrati dalle tensioni commerciali

(Teleborsa) – Continua in retromarcia la seduta delle principali borse europee che fin da avvio giornata si sono mostrate in netto calo.
Anche Piazza Affari si allinea al malumore che aleggia nelle sale operative. A deprimere gli investitori, l’ennesima mossa protezionistica del Presidente americano Donald Trump. L’Office of the US Trade Representative ha annunciato l’imposizione di dazi del 10% su prodotti provenienti dalla Cina per un valore di 200 miliardi di dollari.  Pronta la risposta di Pechino che ha definito “inaccettabile” la decisione degli Stati Uniti.

L’Euro / Dollaro USA continua la seduta sui livelli della vigilia, riportando una variazione pari a -0,10%. Lieve calo dell’oro, che scende a 1.250,65 dollari l’oncia. Prevale la cautela sul mercato petrolifero, con il petrolio (Light Sweet Crude Oil) che continua la seduta con un leggero calo dello 0,63%.

Lo spread si mostra 238 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona al 2,67%.

Tra le principali Borse europee seduta negativa per Francoforte, che mostra una perdita dell’1,32%. Sotto pressione Londra che accusa un calo dell’1,17%. Scivola Parigi, con un netto svantaggio dell’1,32%.

Sessione negativa per Piazza Affari, con il FTSE MIB che sta lasciando sul parterre l’1,55%, arrestando la serie di quattro rialzi consecutivi, avviata giovedì scorso. Sulla stessa linea, si muove in retromarcia il FTSE Italia All-Share che scivola dell’1,51%.

Apprezzabile rialzo (+0,68%) a Milano per il comparto alimentare. Nella parte bassa della classifica del listino azionario italiano, sensibili ribassi si manifestano nei comparti materie prime (-5,03%), servizi finanziari (-2,05%) e tecnologia (-2,05%).

Best performer tra i titoli italiani più capitalizzati, Campari avanza dello 0,69%. In salita Leonardo che guadagna lo 0,58%.

Le più forti vendite, invece, si manifestano su Tenaris che prosegue le contrattazioni a -5,06%. Sensibili perdite per CNH Industrial, in calo del 5,16%. In apnea Exor che arretra del 3,96%. Al Top tra le azioni italiane a media capitalizzazione, Piaggio (+1,34%), Parmalat (+0,86%) e ERG (+0,52%). Le peggiori performance, invece, si registrano su Juventus che ottiene -5,96%, dopo l’exploit di ieri 10 luglio in seguito all’arrivo diCristiano Ronaldo tra le fila dei bianconeri. Lettera su Fincantieri, che registra un importante calo del 3,76%. Affonda Biesse, con un ribasso del 4,38%. Crolla ASTM, con una flessione del 3,23%.

Mercati zavorrati dalle tensioni commerciali