Mercati UE chiudono rosso insieme a Piazza Affari

(Teleborsa) – Si conclude una giornata negativa per i mercati del Vecchio Continente, che continuano a scontare un clima di prudenza, in attesa di maggiori dettagli sulle strategie delle banche centrali con Piazza Affari che si allinea al trend negativo, con qualche spunto rialzista su alcune Blue Chips.

In particolare Luxottica  è stata la grande protagonista e chiude la giornata in cima al principale listino milanese. A dare una spinta al rialzo il via libera dellaCommissione Europea e l’OK dellaFederal Trade Commissionstatunitense al progetto di fusione con la francese Essilor.

L’Euro / Dollaro USA continua la seduta poco sotto la parità, con un calo dello 0,34%. Seduta in frazionale ribasso per l’oro, che lascia, per ora, sul parterre lo 0,42%. Il Petrolio (Light Sweet Crude Oil) in calo (-1,3%) si attesta su 60,84 dollari per barile.

Tra gli indici di Eurolandia affonda Francoforte, con un ribasso dell’1,97%. Londra scende dello 0,78%. Calo deciso per Parigi che segna un -1,09%.

Giornata “no” per la Borsa italiana, in flessione dello 0,70% sul FTSE MIB.Sulla stessa linea, perde terreno il FTSE Italia All-Share, che si ferma a 24.631 punti, ritracciando dello 0,78%.

In luce sul listino milanese i comparti Beni personali e casalinghi (+1,05%) e Materie prime (+0,97%). In fondo alla classifica, i maggiori ribassi si sono manifestati nei comparti Tecnologico (-3,77%), Chimico (-3,72%) e Media (-2,51%).

In cima alla classifica dei titoli più importanti di Milano, troviamo Luxottica (+5,15%), Ferragamo (+1,43%), BPER (+1,19%) e Tenaris (+0,99%). Le più forti vendite, invece, si sono abbattute su STMicroelectronics, che ha terminato le contrattazioni a -3,85%.

Crolla Pirelli & C, con una flessione del 3,29%.

Vendite a piene mani su Fiat Chrysler che soffre un decremento del 2,75%, nonostante la conferma delle insistenti voci di scorporo di Magneti Marelli. La casa d’auto torinese ha però precisato che non c’è certezza sulla finalizzazione di questa operazione, che era stata anche già ampiamente scontata nelle sessioni precedenti 
In retromarcia Moncler che registra un ribasso del 2,58%.

Tra i migliori titoli del FTSE MidCap, Italmobiliare (+1,50%), Biesse (+1,10%), Parmalat (+0,68%) e Sias (+0,64%). Le più forti vendite, invece, si sono abbattute su Cairo Communication, che ha terminato le contrattazioni a -5,19%.

Gionata no per Mondadori, che lascia sul tappeto una perdita del 4,91%.

In caduta libera Juventus, che affonda del 4,71%.

Pesante Datalogic, che segna una discesa di ben -4,56 punti percentuali.

Mercati UE chiudono rosso insieme a Piazza Affari