Mercati positivi in attesa della BCE

(Teleborsa) – Finale positivo per le principali borse europee con gli investitori restano alla finestra, in attesa della riunione di politica monetaria della BCE in agenda domani e del FOMC della Fed in calendario la prossima settimana. Sullo sfondo restano le preoccupazioni per la debolezza dell’economia a livello globale e, in particolare in Cina.

Nessuna variazione significativa per l’Euro / Dollaro USA, che scambia sui valori della vigilia a 1,102. Prevale la cautela sull’oro, che continua la seduta con un leggero calo dello 0,48%. Forte rialzo per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che mette a segno un guadagno del 3,81% dopo i dati sulle scorte settimanali di greggio negli Stati Uniti. 

Lo Spread tra il rendimento del BTP e quello del Bund tedesco si riduce, attestandosi a 117 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona all’1,41%.

Tra i mercati del Vecchio Continente, resistente Francoforte, che segna un piccolo aumento dello 0,37%; Londra avanza dello 0,49%. Si muove in modesto rialzo Parigi, evidenziando un incremento dello 0,57%. Giornata di guadagni per la Borsa di Milano, con il FTSE MIB, che mostra una plusvalenza dell’1,21%, galvanizzata dalle ipotesi di M&A (merger and acquisition). 

Risultato positivo a Piazza Affari per i settori Media (+4,67%), Utility (+1,97%) e Materie prime (+1,95%). Tra i più negativi della lista di Piazza Affari, troviamo i comparti Viaggi e intrattenimento (-1,04%), Costruzioni (-0,66%) e immobiliare (-0,59%).

Tra le migliori azioni italiane a grande capitalizzazione, in primo piano Mediaset, che mostra un forte aumento del 7,02%, finita oggi sotto i riflettori del mercato. Secondo alcune indiscrezioni stampa Telecom avrebbe messo gli occhi sulle torri del Biscione. 

Decolla Unipol, con un importante progresso del 3,45%.

Nel lusso, si mette in evidenza Moncler, che mostra un fortissimo incremento del 3,43%. 

Tra gli energetici, svetta Enel che segna un importante progresso del 3,32%.

Le più forti vendite, invece, si manifestano sulle banche: Banco Popolare, chiude con un  -2,95% nel giorno in cui si tiene il vertice della BCE per l’ok al piano di fusione con la Pop Milano che accusa un calo dell’1,23%.

Mercati positivi in attesa della BCE